Cerca

Obama e Bush improbabili "alleati" nella carica contro Trump

Obama torna con un comizio, Bush in rarissimo discorso

20 Ottobre 2017

0

Richmond, (askanews) - Gli ex presidenti americani contro Donald Trump. A cominciare da Barack Obama, tornato in campagna elettorale per il suo primo comizio da quando ha lasciato la Casa Bianca. L'occasione che ha richiamato i fan osannanti è la campagna per Ralph Northam, democratico candidato governatore della Virginia.

Ma a Richmond, Obama ha lanciato un attacco tutt'altro che velato all'uomo che ora siede al suo posto.

"Se per vincere una campagna devi dividere la gente, non sarai in grado di governarli, e dopo non potrai unirli. Il nostro destino è nelle nostre mani, l'idea di fondo dell'America è che noi decidiamo da che parte andare. Non un re, non un despota ma noi, i cittadini. E il progresso non va sempre in linea retta, a volte facciamo due passi avanti e uno indietro".

Ma nella stessa giornata un'altra bordata a palle incatenate è giunta da una fonte più inattesa. L'ex presidente repubblicano George W. Bush in un discorso a New York si è lanciato a favore della globalizzazione con parole facili da interpretare.

"L'estremismo e la supremazia bianca in ogni loro forma sono una bestemmia contro la fede americana.

L'arroganza e il pregiudizio nella vita pubblica hanno dato il La a livello nazionale, giustificando la crudeltà e l'estremismo, compromettendo l'educazione morale dei nostri figli. L'unico modo di tramandare i valori civici è incarnarli".

Alleati improbabili dunque, e chissà se il doppio intervento fosse in qualche misura programmato; certamente ha un suo impatto presso la politica di Washington.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news