Cerca

Occorsio, Mattarella, Biagi, De Grazia: storie di eroi su Rai1

Quattro docu-film con attori-narratori dal 4 al 7 settembre

0

Roma (askanews) - E' dedicata a quattro eroi italiani, Vittorio Occorsio, Piersanti Mattarella, Marco Biagi, Natale De Grazia, la serie di docu-film "Nel nome del popolo italiano", in onda su Rai1 dal 4 al 7 settembre. Quattro uomini che hanno perso la vita per difendere la democrazia, la legalità, i propri ideali, raccontati da quattro attori, Gian Marco Tognazzi, Dario Aita, Massimo Poggio, Lorenzo Richelmy, attraverso interviste, ricostruzioni, filmati.

Gianfranco Pannone ha diretto l'episodio su Vittorio Occorsio, il magistrato che indagava sulla P2 e sul rapporto tra terrorismo neofascista e massoneria, ucciso nel 1976. Maurizio Sciarra è il regista del docu-film su Piersanti Mattarella, il presidente della Regione Sicilia ucciso nel 1980. Marco Biagi, il docente di Diritto del Lavoro ucciso nel 2002 dalle Nuove Brigate Rosse, viene raccontato da Gianfranco Giagni. Wilma Labate porta alla luce la vicenda di Natale De Grazia, Capitano di fregata, che collaborava con la Procura di Reggio Calabria per un indagine sui rifiuti tossici e che nel 1995 morì all'improvviso mentre andava in tribunale a rendere dichiarazioni sulle indagini.

Pannone e Tognazzi, regista e protagonista del primo docu-film, quello dedicato al giudice Occorsio, hanno detto: "Io credo che questo Paese non cresce fino a quando non si permette ai giovani di capire cosa è accaduto. Credo che la storia italiana sia una storia contraddittoria e straordinariamente contraddittoria, ma se ai giovani non è permesso di capire cosa è accaduto, e la storia di Occorsio è una storia che va ben oltre i neofascisti, io credo che questo Paese rischia di non crescere come dovrebbe crescere".

E per Tognazzi, "Vedere un titolo che è molto simile, oltretutto, a un film di mio padre, che era "In nome del popolo italiano", in cui lui rivestiva proprio il ruolo di un giudice, di un magistrato, è una cosa che mi emoziona particolarmente".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news