Cerca

Symbola, Realacci: ricercare il senso dell'Italia per il futuro

Seminario estivo a Treia il 7 e 8 luglio

0

Roma, (askanews) - In studio ad askanews il presidente della Fondazione Symbola, Ermete Realacci, per presentare il Seminario estivo della Fondazione in programma a Treia nelle Marche il 7 e 8 luglio prossimi preceduto dal 4 al 6 luglio dal festival della Soft Economy. Titolo scelto per questa edizione, "Il senso dell'Italia per il futuro".

"Symbola ha come mission quella di trovare i talenti sui quali l'Italia può investire nel futuro, è la scommessa della qualità, perchè l'Italia ha questa caratteristica, ha un mare di problemi ma ha anche tantissimi punti di forza, anche nell'economia - dice Realacci - abbiamo infatti visto nei dati diffusi recentemente come l'anno scorso ci sia stato un surplus commerciale dell'Italia molto forte. E nel mondo noi siamo tra i 5 paesi che hanno il surplus manifatturiero più forte. Questo perchè quando l'Italia scommette sulla qualità è un paese importante, un paese che è in grado di produrre innovazione, bellezza, di attingere ad un capitale antico. Il lavoro che noi cerchiamo di fare, sempre attraverso i nostri rapporti, su cultura, green economy, coesione e competizione, è quello di rintracciare questi fili. Nel caso specifico del seminario, il senso dell'Italia per il futuro tende a dire che ci sono molti futuri possibili. E a chiedersi quale sia quello che scegliamo e che è in grado anche di dare risposte ai problemi del paese che sappiamo essere grandi, disoccupazione, diseguaglianza nella distribuzione delle ricchezze, corruzione, burocrazia spesso soffocante. Cercheremo di fare questo ragionamento partendo da un incontro all'Università di Macerata sulla Cina, patria di Padre Matteo Ricci, noto in Cina molto più di quanto non lo sia in Italia. Ci concentreremo poi sul terremoto, una durissima prova. E c'è bisogno di risolvere problemi aperti, ritardi, anche in presenza di risorse stanziate importanti queste non vengono spese in tempi adeguati. Ma si ragionerà soprattutto sull'idea di quei territori, perchè la verità è che quell'area dell'Italia non va vista come un punto di sventura ma come un banco di prova del paese".

Ribadendo l'appuntamento con il seminario di Treia, dove askanews sarà presente come media partner, ancora qualche elemento sul lavoro di Symbola:

"Un forte scambio con il territorio innanzitutto. C'è una frase di Proust molto bella, che dice un vero viaggio di scoperta non è cercare nuove terre ma avere nuovi occhi. Symbola è un luogo dove ci sono tante competenze, che produce lavori in alcuni casi anche punto di riferimento del paese per alcuni settori, e grazie al lavoro gratuito di tante persone che lo fanno per impegno civile. E prova a fare proprio questo sforzo, guardare l'Italia con occhi non pigri, ed anche affrontando in una maniera informale, in una sede libera, gente molto diversa può liberamente appunto ragionare sul futuro del paese".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news