Cerca

Come smettere di fumare: prodotti 'alternativi' meno nocivi?

Esperti e scienziati discutono di e-cig e tabacco riscaldato

0

Roma, (askanews) - Un dilemma per scienziati e ricercatori: in Italia il numero dei fumatori diminuisce fra gli uomini ma aumenta fra le donne. Le campagne dissuasive non paiono funzionare; per questo esperti e scienziati discutono sulle forme alternative alle sigarette tradizionali per abbattere gli effetti nocivi e per tutelare anche i fumatori passivi.

Secondo una ricerca dell'Oms, il consumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile: 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo: se ne è parlato anche in occasione del No Tobacco Day del 31 maggio.

I prodotti alternativi, tra i quali quelli a tabacco riscaldato, sembrerebbero avere conseguenze minori sulla salute, come spiega il professor Claudio Ferri, Direttore dell'Unità Operativa di Medicina Interna e Nefrologia dell'università dell'Aquila: "Sicuramente queste sigarette a minor rischio sembrano esporre il paziente fumatore a una quantità di tossici drammaticamente inferiori rispetto alla sigaretta tradizionale"

I prodotti a tabacco riscaldato, ovvero quelli senza combustione, non espongono chi li usa ai composti chimici che si formano quando il tabacco brucia. Questo in un contesto in cui si continuano a cercare nuove soluzioni: "La ricerca scientifica per la lotta al tabagismo è continua, evolve continuamente grazie allo sviluppo di sempre nuovi farmaci e tecnologie che mirano a permettere la disuassefazione al fumo."

Per gli specialisti l'obiettivo è arrivare all'abbandono del fumo con un approccio realistico, che tenga conto delle aspettative psicologiche e delle difficoltà di chi vuole smettere di fumare. Come spiega Fabio Beatrice, dell'Ospedale San Giovanni Bosco di Torino.

"Penso che forse bisognerebbe porsi non tanto top-down ma in posizione di ascolto e di attenzione verso i fumatori, fornendo proposte per loro ricevibili, perché se le proposte non sono ricevibili di fatto non sono destinate al successo, sono politiche o neo-proibizioniste o top-down che purtroppo non piacciono. Bisogna trovare prodotti graditi ai fumatori che rendano loro possibile mettersi in discussione con l'obbiettivo della disassuefazione. L'impressione è che possa essere una soluzione ricevibile per la stragrande maggioranza dei fumatori che altrimenti continuerà ineludibilmente a fumare."

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news