Cerca

Roma, referendum per privatizzare Atac: già raccolte 5mila firme

Magi: ne servono 30mila. Campagna durerà fino al 10 agosto

0

Roma, 30 mag. (askanews) - Sono già circa 5mila le firme raccolte dai Radicali Italiani per promuovere un referendum comunale che porti ad un bando di gara per l'affidamento del servizio di trasporti pubblico locale a Roma.

Riccardo Magi e Alessandro Capriccioli, segretario di Radicali Italiani e di Radicali Roma, hanno fornito in una conferenza stampa i primi dati sulla raccolta firme e sulle adesioni al referendum "Mobilitiamo Roma". Raccolta di firme che è cominciata il 10 maggio e si concluderà il 10 agosto con l'obiettivo di raggiungere la quota di 30mila firme necessarie per la richiesta del referendum comunale. Tra le adesioni già arrivate c'è quella di Francesco Giavazzi, dei senatori Pietro Ichino e Linda Lanzillotta, del'on. Andrea Mazziotti e dell'economista Alessandro De Nicola.

"Atac è un'azienda fallita - ha spiegato Magi - l'azienda che gestisce direttamente il trasporto pubblico della capitale ha un miliardo e trecento milioni di euro di debiti e un servizio che non migliora. C'è solo una soluzione: mettere a gara il servizio. Serve una gara europea con il Comune di Roma che deve recuperare il suo ruolo di programmatore di questo servizio. Purtroppo - ha aggiunto il segretario dei Radicali Italiani - l'unico modo per farlo è attraverso un referendum comunale. Stiamo raccogliendo le firme dei cittadini romani: siamo a 5mila, ne servono 30mila in tre mesi. Apriamo a tutte le forze politiche, a cominciare dal Partito Democratico e M5S, che volessero unirsi a questa battaglia".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news