Cerca

Storie Di Vino: Rosso Conero e Verdicchio, i vini delle Marche

Alberto Mazzoni, direttore Istituto Marchigiano Tutela Vini

0

Roma, (askanews) - Alberto Mazzoni è il direttore dell'Istituto Marchigiano di Tutela Vini. Askanews lo ha incontrato nel corso del Vinitaly a Verona per parlare del Verdicchio, il vino presente nelle tavole dei maggiori ristoranti stellati, e questo è motivo di orgoglio per il primo vitigno autoctono importante per le Marche, ma anche del panorama nazionale. E proprio i numeri messi in evidenza da Mazzoni dimostrano quanto i vini delle Marche siano apprezzati sulle tavole degli italiani.

"Siamo in grado oggi di promuovere nel territorio due denominazioni che compiono 50 anni: Rosso Conero, la prima Doc rossa nata nelle Marche, nel lontano 1967, in un posto di mare", spiega Mazzoni, "e festeggiamo i 50 anni del Verdicchio di Matelica, doc importantissima dell'entroterra".

"Le Marche oggi hanno 17 mila ettari di vigneto, 14 mila aziende vitivinicole, producono 900 mila ettolitri. Il Verdicchio da solo produce 166 mila ettolitri, il valore aggiunto del fatturato legato al mondo del vino è di 145 milioni di euro, di cui 50 milioni sono legati all'esportazione, un trend importantissimo: è diventata la prima attività della nostra regione dal punto di vista agricolo, che riesce - ha proseguito - a soddisfare le esigenze di tante aziende, e nello stesso tempo curare il territorio. Perchè la presenza dell'agricoltura sulla campagna serve anche per fare bellezze nelle nostre colline", ha concluso Mazzoni.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news