Cerca

News da Radio 105

Emma Marrone vola al cinema!

Emma Marrone vola al cinema!

Emma Marrone guarda al futuro. La cantante salentina ha ottenuto uno straordinario successo con il suo ultimo album e ora sta pensando a nuo......

 

ascolta ora

Radio 105

Su Premium Sport

Il detenuto intercettato: "La camorra ha fatto perdere a Pantani il Giro del 1999"

"Fu la camorra a far perdere il Giro a Marco Pantani". Una intercettazione telefonica di un detenuto vicino alla camorra e ad ambienti legati alle scommesse clandestine riaccende il caso del Pirata. L'uomo intercettato è lo stesso che, secondo Renato Vallanzasca, confidò in prigione al criminale milanese quale sarebbe stato l'esito del Giro d'Italia '99. Ovvero che Pantani, che fino a quel momento era stato dominatore assoluto, non avrebbe finito la corsa. Dopo le dichiarazioni di Vallanzasca, e grazie al lavoro della procura di Forlì e di quella di Napoli, l'uomo è stato identificato e interrogato e subito dopo ha telefonato a un parente. Telefonata che la procura ha intercettato e che Premium Sport diffonde oggi per la prima volta in esclusiva.

L'intercettazione - Questi alcuni passaggi della telefonata intercettata: Uomo: "Vallanzasca poche sere fa ha fatto delle dichiarazioni". Parente: "Una dichiarazione...". Uomo: "Dicendo che un camorrista di grosso calibro gli avrebbe detto: Guarda che il Giro d'Italia non lo vince Pantani, non arriva alla fine. Perché sbanca tutte 'e cose perché si sono giocati tutti quanti a isso. E quindi praticamente la Camorra ha fatto perdere il Giro a Pantani. Cambiando le provette e facendolo risultare dopato. Questa cosa ci tiene a saperla anche la mamma". Parente: "Ma è vera questa cosa?". Uomo: "Sì, sì, sì... sì, sì".

La mamma del Pirata: "L'hanno fregato" - "Finalmente qualcuno è riuscito a fare un buon lavoro", è il commento di Tonina Pantani, mamma del campione del ciclismo trovato morto in un residence a Rimini il 14 febbraio 2004, ai microfoni di Premium Sport. "Devo ringraziare i ragazzi di Forlì, che ci hanno messo un grande impegno. Non mi ridanno Marco, logicamente, ma pensi gli ridiano la dignità, anche se per me non l’ha mai persa - aggiunge la mamma del Pirata -. Le parole di questa intercettazione fanno male, è una conferma di quello che ha sempre detto Marco, cioè che l'avevano fregato. Io mio figlio lo conoscevo molto bene: Marco, se non era a posto quella mattina, faceva come tutti gli altri. Si sarebbe preso quei 15 giorni a casa e poi sarebbe rientrato, calmo. Però non l'ha mai accettato, non l'ha mai accettato perché non era vero". "Finalmente - conclude - la gente ora potrà dirlo, anche se tanta gente sapeva che l'avevano fregato. Io sono molto serena oggi: finalmente  sono riuscita e sono riusciti a trovare queste cose".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400