Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Ahia

La porno-vendetta sui dipendenti: sigarette nel c..., mutande leccate davanti alle telecamere...

I dipendenti che non raggiungevano gli obiettivi fissati dall'azienda erano costretti a simulare rapporti sessuali davanti a una telecamera. I dirigenti dell'Appco, una società australiana, sono al centro di una bufera giudiziaria dopo la diffusione dei filmati che dimostrano le porno-punizioni inflitte ai lavoratori. Finora 730 lavoratori hanno organizzato una class action contro la società per un risarcimento di almeno 60 milioni di dollari. Secondo un ex dipendente, le punizioni non prevedevano solo simulazioni sessuali. Qualcuno è stato costretto a fumare una sigaretta dopo averla prima infilata ed estratta dal retto. Altri erano forzati a leccare la biancheria intima dopo che un collega l'aveva indossata per un giorno intero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabptt

    fabptt

    16 Febbraio 2017 - 07:07

    l'alternativa c'era, bastava andare via e trovarsi un altro lavoro decente, se stavano li vuol dire che gli piaceva tanto, altro che 60 milioni, milioni di sigarette nel c..lo per quei dipendenti, ma accese.

    Report

    Rispondi