Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Boom

Vittorio Sgarbi contro Claudio Marazzini e Laura Boldrini: "È arrivata la medica e mi ha curato il culo"

Claudio Marazzini, linguista e saggista italiano, ha invitato Vittorio Sgarbi a posizioni più "miti" sul linguaggio di genere, ossia la folle crociata promossa dalla presidenta Laura Boldrini affinché si dica, per esempio, sindaca e non sindaco, in barba alla lingua italiana. E a Marazzini, Sgarbi risponde su Facebook, con un breve video dove mette in luce tutta l'assurdità della battaglia per la desinenza. "Perché si dice sindaca e non medica? È arrivata la medica, è arrivata la medica, è arrivata la medica. E mi ha curato il culo". Touché. Messi ko sia l'esimio Marazzini sia la presidenta Boldrinova.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ninnicuratolo

    30 Gennaio 2017 - 14:02

    Non posso condividere la cafonaggine di persone come la Boldrini determinate a distruggere, oltre che l'Italia, la lingua Italiana. Con riferimento alla critica fatta dalla boldrini circa l'inneggiare al fascismo voglio ricordare alla stessa che se le sinistre hanno avuto la possibilità di sfasciare quanto di buono in Italia c'è stato è perché il fascismo li aveva realizzate.

    Report

    Rispondi

  • charlie23

    10 Gennaio 2017 - 17:05

    Sta distruggendo l'Italia e pure la nostra lingua!

    Report

    Rispondi

  • charlie23

    10 Gennaio 2017 - 17:05

    L'Accademia della Crusca ha anche accettato che il congiuntivo non venga più usato visto l'uso continuo che si fa adesso dell'indicativo! Va bene andare al passo con i tempi ma fra poco verranno accettati termini inglesi al posto dei corrispondenti italiani (siamo già a buon punto con le slide, download, brunch): per questo lode ai Francesi e Spagnoli che usano sempre i termini della loro lingua!

    Report

    Rispondi

  • cosimo.sgura

    10 Gennaio 2017 - 10:10

    Ma veramente una boldrini qualunque ha il diritto di cambiare la nostra grandiosa lingua così apprezzata nei secoli?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti