Cerca

Aiutatelo

Luigi Di Maio, come si rende ridicolo da solo: "Lavori umili? Strano che Berlusconi..."

9 Luglio 2018

6

Che il ministro del Lavoro Luigi Di Maio non abbia mai lavorato davvero in vita propria è una realtà mai smentita dal diretto interessato. Un punto sul quale Silvio Berlusconi ha più volte puntato il dito, anche se il grillino non si è mai spiegato il motivo. Ospite in solitaria a In Onda su La7, Di Maio ha confermato di non aver ancora colto il significato di lavoro: "Berlusconi mi meraviglia, perché non riconosce i lavori umili come lavori. Sono sempre stato preso in giro perché ho fatto il muratore, lo stewart allo stadio San Paolo, ho fatto il cameriere. Non mi devo scusare per aver fatto lavori umili. Grazie a quei lavori - ha aggiunto il ministro - ho capito bene come sta andando il lavoro in questo Paese. E forse quell'esperienza mi servirà per aiutare tanti giovani". Teoria quantomeno fantasiosa.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    10 Luglio 2018 - 13:01

    Ha strimpellato sulle navi. Questo è lavoro secondo voi?

    Report

    Rispondi

  • pietro2482

    10 Luglio 2018 - 11:11

    ma renzi che ha già fatto il presidente del consiglio che lavoro faceva prima? e tanri altri politici di FI per esempio dove hanno lavorato solo in parlamento

    Report

    Rispondi

  • vincentvalentster

    10 Luglio 2018 - 09:09

    A prescindere che anche Berlusconi per pagarsi gli studi cantava sulle navi, onore a chi ha fatto il muratore, lo stewart al San Paolo, il cameriere; ma l'idea di tagliare le pensioni d'oro, a parte la dubbia competenza avuto riguardo ai lavori e agli studi svolti, lascia trasparire una voglia di rivalsa nei confronti di chi ha svolto lavori di alto livello. a parte il chiaro fine di propaganda

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news