Cerca

L'intervista di Pietro Senaldi

Matteo Salvini a Libero: "Le due carte con cui vincerò le elezioni. Stiamo preparando un piano di salvezza dall'euro"

7 Febbraio 2018

6

Matteo Salvini ci è venuto a trovare in redazione a Libero. Intervistato da Pietro Senaldi, a meno di un mese dal voto, non si mostra preoccupato per lo stallo nei sondaggi del centrodestra. Anzi, rilancia: "Ci sono due o tre proposte che sveleremo negli ultimi 20 giorni di campagna elettorale che sposteranno tanti voti". Di cosa si tratta? "Operazioni di giustizia sociale, di aiuto agli italiani immigrati.

Il leder della Lega, dunque, ribatte ancora a chi lo accusa di "sciacallaggio" dopo i fatti di Macerata. Quando poi gli si chiede perché, fra tutti i nomi avanzati come papabile premier, Silvio Berlusconi non indichi lui, Salvini smista il quesito: "Chiedetelo a lui". Dunque, dopo aver allontanato a più riprese l'ipotesi di ogni inciucio, aggiunge sornione: "Chi il 4 marzo sceglie Forza Italia sceglie una sorpresa, che può essere più o meno gradita".

Nell'intervista si parla ancora di immigrazione: si sente inseguito dal Cavaliere, che propone di espellere 600mila clandestini? "Faccio politica per risolvere problemi. Se Berlusconi mi copia sono contento". Il segretario del Carroccio, dunque, chiama il suo popolo in piazza Duomo a Milano, per una grande manifestazione in calendario il 24 febbraio, "nonostante il freddo". E ancora, sul rapporto con Berlusconi conferma di avere iniziato una "traversata nel deserto" con vista a ciò che verrà dopo il Cavaliere. Una frase con cui conferma, ammesso che ce ne fosse bisogno, l'obiettivo di imporsi come leader del centrodestra.

Per Roberto Maroni e Umberto Bossi, sottolinea, ci sarà sempre spazio nella Lega. Quindi si passa al Movimento 5 Stelle, ai quali riserva una netta chiusura: "La loro è una visione dell'Italia di sinistra, vogliono punire il merito e la ricchezza. È questo che ci separa da loro". Parlando di Unione Europea piove la stoccata contro il candidato premier M5s: "Non sono un Di Maio qualunque. Stiamo preparando una via di salvezza per il momento in cui si sgretolerà, è inevitabile". Infine, una promessa: "Con me premier, uno come Erdogan in Italia non ci mette piede. Non si può accogliere a casa propria uno che nega l'olocausto degli armeni".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Horaf

    07 Febbraio 2018 - 14:02

    Non accogli chi nega l'olocausto degli Armeni mentre chi nega l'olocausto degli ebrei, tipo forza nuova o casa pound , soni i benvenuti. Ma va a caghè o Salvini

    Report

    Rispondi

  • Prendo Feltri per i fondelli

    07 Febbraio 2018 - 14:02

    Solitamente il capobranco della lega fa il gioco delle tre carte; se dice di averne due da giocare quale avrà persa? Il Cavallaro o la cozza del Testaccio?

    Report

    Rispondi

  • Prendo Feltri per i fondelli

    07 Febbraio 2018 - 14:02

    Solitamente il capobranco della lega fa il gioco delle tre carte; se dice di averne due da giocare quale avrà persa? Il Cavallaro o la cozza del Testaccio?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news