Cerca

Ahia

Gene Gnocchi, la battuta sulla Petacci mette nei guai Floris: pronto un esposto all'Ordine dei giornalisti

7

Non si placa la polemica dopo la battutaccia di Gene Gnocchi su Claretta Petacci e "la maiala" detta nell'ultima copertina di Dimartedì su La7. E non è passata del tutto inosservata la reazione che il conduttore Giovanni Floris ha avuto dopo quelle parole, archiviandole rapidamente con una risata e il commentino: "Un nome familiare".

Una reazione che potrebbe costare che potrebbe costare caro a Floris, già nel mirino di un gruppo di giornalisti che vorrebbe presentare un esposto all'Ordine, come riporta il Giornale. Nella bozza del testo i giornalisti denunciano al presidente Claudio Verna: “Nel corso della trasmissione ‘Di Martedì’, condotta da Giovanni Floris su La7, andata in onda il 16 gennaio 2018, il comico Gene Gnocchi ha gravemente offeso la memoria e la dignità della signora Claretta Petacci, seviziata, presumibilmente violentata, e uccisa il 28 aprile 1945, a causa del suo legame sentimentale con Benito Mussolini”.

Secondo i firmatari dell’esposto, quindi, “posto che il conduttore di un programma televisivo svolge a tutti gli effetti il ruolo di direttore responsabile dei contenuti, Giovanni Floris avrebbe dovuto esercitare il controllo in capo al direttore responsabile previsto dalla legge 47 del 1948. Non lo ha fatto. Avrebbe - estrema ratio - potuto dissociarsi dalle parole del comico. Non lo ha fatto”. Floris, denunciano i colleghi, “ha semplicemente avallato l’oltraggio nei confronti della signora Petacci offendendo la dignità di una donna e il rispetto che si deve ai defunti”.

E quindi i denuncianti chiedono agli organi di disciplina dell'Ordine di verificare “l’esistenza della violazione degli articoli previsti dalla legge sulla stampa, tra i quali omissione di controllo, pubblicazioni a contenuto impressionante o raccapricciante; per la violazione del codice deontologico della professione giornalistica laddove parla di tutela della dignità dell’essere umano. Una tutela – non Le sfugge gentile Presidente - che dovrebbe, in questo caso, essere esercitata con maggiore garanzia in quanto si stava oltraggiando una donna morta da innocente, presumibilmente violentata, brutalmente uccisa, il cui corpo fu esposto al pubblico ludibrio a Piazzale Loreto a Milano”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    19 Gennaio 2018 - 11:11

    non succedera`al somaro sardagnolo(Floris) nulla perche`appartiene alla razza dei vermi rossi.

    Report

    Rispondi

  • Maria55

    19 Gennaio 2018 - 10:10

    questi comunistacci di m...a non si smentiscono mai. Offendono la memoria dei defunti e non chiedono neanche scusa. Hanno e continuano ad agire sempre cosi' Hanno rovinato tutto in Italia ed hanno ancora l'arroganza di volerla governare. Votare per loro e' un crimine contro l'umanita'

    Report

    Rispondi

  • honhil

    19 Gennaio 2018 - 09:09

    Gnocchi si è cotto nel suo brodo ideologico, in modo indegno. Se quello voleva essere un ponte di affetto e un abbraccio di riconoscenza e vicinanza lanciato verso quegli indegni partigiani, l’intento l’ha raggiunto in pieno. Ma il peggio doveva ancora avvenire e si è manifestato proprio quando tutti gli astanti hanno attraversato quel ponte di odio puro. Un comportamento davvero inumano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news