Cerca

Un filmato-terremoto

Sicilia, la nonnina interdetta che vota Pd: il video e l'accusa, brogli alle regionali

11

Per il Pd un tracollo alle urne nonostante i brogli? A vedere questo video, il sospetto si fa concreto. Nel mirino ci finisce Luca Sammartino, uno dei neo-eletti piddini, il quale già annuncia querele. Ora, la parola ai fatti. In sintesi, sembra che una donna ospite di una casa per anziani, incapace e interdetta, sia stata accompagnata nel seggio speciale allestito nell'ospizio per votare. E la firma apposta sul registro non sarebbe quella della signora Piera, 88 anni, impossibilitata a scrivere. Per far luce sulla vicenda, la procura di Catania ha già aperto un'inchiesta.

Sammartino, primo degli eletti all'Assemblea regionale siciliana con quasi 33mila voti, come detto ha già dato mandato ai propri legali di denunciare per diffamazione l'autore del video, diventato virale su Facebook (il video è stato postato su un sito dei meet-up del M5s). Nel filmato, il nome del politico Pd viene accostato a un presunto caso di frode elettorale nel comune di Gravina di Catania. Il filmato è raccontato in prima persona da un uomo che si presenta come il figlio della signora ospite nell'ospizio. La signora Piera, per onor di cronaca, è residente a Giardini Naxos, provincia di Messina, ma è domiciliata in una casa di cura di Gravina.

Come detto, la scorsa domenica, la donna - inferma e non autosufficiente - sarebbe stata accompagnata a votare nel seggio speciale allestito nell'ospizio in cui vive. "Chi l'ha fatta votare?", chiede il figlio nel filmato. "Hanno chiesto l'autorizzazione...", replica una impiegata dell'ufficio elettorale. "Ma - continua l'uomo - l'autorizzazione può darla solo mio fratello perché è interdetta". Il fratello dunque ipotizza che, come la signora Piera, "avranno fatto votare anche tutti gli altri" ospiti della casa di cura. "Qui - azzanna - è diventata una schifezza".

A quel punto, dunque, l'impiegata va a controllare da chi è firmata la richiesta per far votare l'anziana interdetta. E l'uomo nota come la firma della madre sia falsa. L'uomo infatti sostiene che la donna non sia in grado di scrivere. "Ma chi ci è andato lì?", chiede l'impiegata. E l'uomo denuncia: "Ha votato per Sammartino".

Per quanto ancora non ci siano prove effettive di brogli, il caso sta montando: la polemica non si può dribblare. Il video è già stato acquisito dalle forze dell'ordine per le verifiche sul caso. Il pm di Catania, Fabio Saponara, secondo indiscrezioni provenienti dalla procura starebbe già indagando per capire se la scorsa domenica sia stato fatto qualcosa di "sporco".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    08 Novembre 2017 - 11:11

    Sono un branco di mascalzoni, quanto impiegherà ancora il popolino a capirlo? Sicuramente anche l'Italia è una Repubblica grazie ai loro loschi intrighi.

    Report

    Rispondi

  • ITALIA SVEGLIATI

    08 Novembre 2017 - 08:08

    E ci credete che alle ultime ELEZIONI RENZI abbia vinto in modo pulito? Chiedete a NAPOLITANO.....

    Report

    Rispondi

  • attualità

    08 Novembre 2017 - 08:08

    Per chi porta il cellulare nell'urna rischia la galera . Per questi delinquenti la pena capitale in proporzione e' poca cosa !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news