Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

L'imitazione

Belen Rodriguez: "Attento Santiago, arriva la D'Urso"

Belen Rodriguez e Stefano De Martino, i novelli sposi d'Italia, non le mandano a dire. In un'intervista doppia andata in onda ieri nel programma di Italia 1, Le Iene, la showgirl argentina e l'ex ballerino di Amici hanno parlato del loro matrimonio, celebrato tra gossip e polemica. I due giovani sposi sembravano più radiosi e felici del solito ed entrambi hanno dichiarato qual è la differenza tra diventare marito e moglie ed avere un figlio. Santiago, il figlio della coppia è nato lo scorso 9 aprile e il 20 settembre i due sono convolati a nozze, giorno in cui, tra l'altro Belen Rodriguez ha compiuto 29 anni. 
L'imitazione della D'Urso - Dopodiché la domanda bomba: "E' vero che al matrimonio non avete invitato a cena il gruppo che suonava?", alla quale Stefano risponde candidamente "Confermo", mentre Belen si lancia in un'invettiva contro Barbara D'Urso. "Non abbiamo fatto i tavoli per tutte le persone che lavoravano lì, ma questo è vero - si scalda - Hanno iniziato a fare la polemica insieme alla signorina Barbara D'Urso". Al che, parte l'imitazione: "Anche perché, la D'Urso ha dato da mangiare a tutti la stessa cosa, non ha fatto differenza tra le persone, sai al mio paese si usa così", dice la showgirl, sbattendo gli occhi alla maniera della conduttrice. 
La minaccia a Santiago - Aggiungendo poi, che quando il suo pargoletto, Santiago, piange di notte, Belen non chiama il fantomatico "uomo nero", ma la "zia Barbara D'Urso". Poi, nel botta e risposta, è stato chiesto ai due se l'ex fidanzata di Stefano, la cantautrice salentina Emma Marrone fosse stata invitata al matrimonio, e Stefano ha dapprima scherzosamente affermato di sì, per poi ovviamente smentire. Per quanto riguarda Belen invece, come da tradizione le è stato chiesto di Fabrizio Corona e la showgirl ha confessato che avrebbe voluto scrivere una lettera all'ex Re dei paparazzi ma non l'ha fatto perché ha la certezza che lui l'avrebbe resa pubblica una volta ricevuta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400