Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Processo

Concordia, Schettino accusa il timoniere

Torna ad accusare il timoniere indonesiano Jacob Rusli Bin l’ex comandante della Costa Concordia Francesco Schettino, oggi in aula a Grosseto per il processo che lo vede imputato del naufragio che il 13 gennaio 2012 provocò la morte di 32 persone. Dal cinema Moderno, dove si è svolto il processo, Schettino ha spiegato: "Nel momento in cui io ho chiesto al timoniere di mettere il timone di venti a sinistra, in quel momento la nave aveva un'accelerazione angolare verso destra. E l'errore di non mettere a sinistra... Cioè il ritardo è la conseguenza dell'errore. Ma di base c'è stato un errore. Perché se non ci fosse stato l'errore (del timoniere, ndr) di non posizionare i timoni a sinistra ovvero di scontrare, di evitare la derapata, non ci sarebbe stato quello schiaffo, ovvero la velocità angolare di accostare verso dritta con due timoni nave bielica in linea con i centri dei timoni. Per mia esperienza, la nave si sarebbe fermata"
Allineando la nave agli scogli, secondo l'ex comandante, si sarebbe potuto evitare o attenuare l’impatto. “Ma il timoniere - ha sostenuto Schettino - non eseguì correttamente l'ordine, mise il timone al contrario e urtammo”. Di tutt'altro avviso i periti del gip, che nel 2012 curarono l'incidente probatorio. “Il timoniere - ha detto in aula l’ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone - ritardò la manovra di 13 secondi ma l’impatto ci sarebbe stato ugualmente”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400