Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

In Canada

Suicida per bullismo a soli 15 anni

Suicidarsi di bullismo. E' quanto è accaduto ad Amanda Todd, una ragazza canadese di 15 anni, che non ha più retto agli sfottò e alle prepotenze di cui era vittima sul web. E poco prima di togliersi la vita, qualche settimana prima, un video postato su YouTube, nel quale Amanda narrava la sua triste storia, silenziosamente, facendo scorrere dei fogliettini. Alla fine della clip, la ragazza mostra il suo braccio, lacerato dai tagli, pieno di cicatrici, mentre il suo volto non lo mostra mai.

Le foto - Foglio dopo foglio, Amanda racconta la sua tragedia, iniziata involontariamente, quando si fotografò un seno, come le aveva chiesto qualcuno che aveva incontrato online dopo aver acquistato una webcam. Le foto si sono diffuse rapidamente, fino ad arrivare agli amici e ai compagni di scuola. E da lì, ecco il via al cyberbullsimo: i ragazzini la prendono di mira, la assillano. Amanda non ce la fa più, e i suoi genitori si convincono a spostarla in un'altra scuola. Ma il cambio è servito a poco e nulla: le foto, infatti, non sono scomparse. 

"Devi morire" - L'incubo ha inseguito la ragazza anche nella nuova scuola, dove alcuni adolescenti l'hanno malmenata, sfottuta davanti a tutti gli altri ragazzi, spedendola a casa in lacrime. Nella sua abitazione, Amanda ha bevuto candeggina. Ha tentato il suicidio, per la seconda volta. E per tutta risposta i suoi molestatori hanno postato su Facebook delle foto di flaconi di candeggina, corredati dall'augurio di morire.

La disperazione della madre - "Ogni giorno penso, perché sono ancora qui? Non ho nessuno. Ho bisogno di qualcuno", spiegava Amanda su Facebook. Poi, sul video, aggiungeva: "Non lo faccio per ottenere attenzione. Lo faccio perché ispiri altre persone e dimostri che posso essere forte". Ma forte, Amanda, non è più riuscita ad esserlo: mercoledì 10 ottobre si è tolta la vita. Ora la madre, disperata, spera che il video si diffonda il più possibile: "Penso che debba essere condiviso e usato come strumento anti-bullismo. E' quel che mia figlia avrebbe voluto", ha detto al Vancouver Sun.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400