Cerca

Cattaneo

La difesa della Casta: guardate e ridete

0

E' il nuovo bersaglio grosso di tutti quelli che della Casta non ne possono più. Stiamo parlando dell'assessore Raffaele Cattaneo, della Regione Lombardia, che ha spiegato, senza vergogna, che "con meno di 8mila euro al mese, io non ce la faccio". Lo ha detto, lo ha ripetuto, si è sfogato anche su Twitter, spiegando che con la riduzione dell'indennità e senza alcuna pensione non saprà più come arrivare a fine mese. Si sfoga, l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità: "Non rubo e quindi non ho tesori all'estero. Vivo di ciò che fra un mese mi verrà dimezzato e tra mutuo, rette, e tutto il resto non so che fare". Ovvia la rabbia che il signor Cattaneo ha catalizzato, la rabbia di chi a fine mese, magari con mille euro, non ci arriva davvero. Scontate le ironie e le frecciate scoccate su Facebook, Twitter e internet contro Cattaneo. 

Il video - Ma l'assessore non molla e continua a lottare come un leone. La sua difesa, ovviamente, viaggia sul web. Sotto il nome di "Politicopazzomavero", pubblica un video, un'arringa difensiva, dove non cede di un millimetro. Spiega che la sua "è una provocazione irritante, lo capisco", e "chi fatica ad arrivare a fine mese ha tutto il mio rispetto" (parla forse di se stesso?). Poi spiega che quella che chiama "provoacazione" (dire che meno di 8mila euro al mese, magari "solo" 4mila, non gli bastano, ndr) è stata fatta per dire due verità: la prima, che è sbagliato dire che chi fa politica non deve guadagnare nulla (ma per inciso nessuno l'ha detto, il dibattito semmai è sui guadagni iperuranici della Casta) e, la seconda, che "colpire gli enti locali affamando i Comuni rischia di portarci una dittatura". Insomma, per evitare l'ascesa di un regime sarebbe meglio continuare a corrispondere al signora Cattaneo tutti gli 8mila euro (mensili), che secondo lui sono già pochi...

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news