Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Scivolone

Gaffe di Olbama: è scontro con la Polonia

Una "gaffe" del presidente Barack Obama ha creato tensioni diplomatiche tra Polonia e Stati Uniti. Il primo ministro polacco Donald Tusk non ha gradito l'espressione "campo di concentramento polacco" usata dal presidente americano per riferirsi ad una struttura in cui i nazisti sterminavano gli ebrei. L'inquilino della Casa Bianca aveva usato quest'espressione durante una cerimonia per la consegna di una medaglia al valore civile postuma a Jan Karski, ex ufficiale polacco che testimoniò le atrocita' dei nazisti contro gli ebrei.

"Ce ne scusiamo, ma si e' trattato di un errore di espressione del presidente" - Con queste parole, il portavoce della White House Tommy Vietor ha cercato di porre rimedio all'espressione usata da Obama. Tusk, pero', non ha considerato sufficienti le scuse e ha affermato che tutti i polacchi sono rimasti addolorati dall'errore di Obama. "Sono convinto che i nostri amici americani possono fare qualcosa in piu' per mettere fine una volta per tutte a questo tipo di errori", ha affermato Tusk. Il governo polacco è molto attento al modo in cui i media di tutto il mondo parlano dei campi della morte controllati dai tedeschi nella Polonia occupata perché vuole evitare a tutti i costi che si possa dare l'impressione di una responsabilità polacca in quei massacri.
  
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400