Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Bilancio devastante

Amatrice dopo il terremoto, il dolore e la vergogna: com'è ridotta la scuola antisismica

Costruita nel 2012, secondo le norme anti-sismiche, tre anni dopo il disastro dell'Aquila. E crollata, distrutta: è la scuola di Amatrice, uno dei simboli (e delle vergogne) del terremoto che ha devastato nella notte l'Italia Centrale. Paesi distrutti, cancellati dalle mappe geografiche, decine di morti, centinaia di dispersi, migliaia di sfollati. La prima scossa di magnitudo 6.0 è avvenuta alle 3.36 di notte, quando la maggior parte degli abitanti dormiva. Le case dei centri storici dei piccoli paesi montani sull'Appennino tra Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo sono venute giù come sabbia. Le aree di più recente costruzione, secondo norme anti-sismiche, hanno invece retto. Non questa scuola di Amatrice, però. Qualcuno dovrà spiegare perché, una volta passata l'emergenza dei soccorsi. Il dolore e la disperazione, invece, continueranno a lungo. Forse anche la rabbia. 

Amatrice - Il bilancio parziale parla di 37 morti. È un cumulo di macerie il centro storico di Amatrice, dove i soccorritori sono al lavoro per estrarre i sopravvissuti del sisma di questa notte. Da uno stabile completamente crollato in viale Francesco Grifoni si sentono le richieste di aiuto di una donna che dovrebbe trovarsi sotto le macerie insieme a un uomo e a un bambino dei quali al momento non si hanno notizie. In precedenza dallo stabile era stato estratto anche un cadavere. Nella periferia della città completamente distrutta sono stati allestiti alcuni punti di soccorso per i feriti. "Il centro di Amatrice non esiste più, è crollato. Ci sono decine di operatori della Protezione Civile, vigili del fuoco, esercito, volontari", conferma il presidente della Regione Nicola Zingaretti, giunto nel centro del Reatino. "È Un paese che non c'è più, aiutateci", ha dichiarato il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi.


Accumoli - Secondo le informazioni provenienti dai primi gruppi di soccorso ad Accumoli, il piccolo centro del reatino epicentro del terremoto, le vittime fino a questo momento accertate sarebbero 7 oltre a 4 dispersi e 2.000 sfollati. "Ci sono due morti accertati e una famiglia di quattro persone sotto le macerie. La situazione è drammatica", spiega il sindaco Stefano Petrucci. "Poche case hanno retto al terremoto, siamo in mezzo alle macerie". La situazione è gravissima. Nella frazione di Illica ci sono dei morti accertati. La gente oramai è al sicuro, ma non riusciamo a tirare fuori dalle macerie due bambini con i genitori. Io sono dietro la casa parrocchiale, il parroco è intrappolato al secondo piano e non riusciamo a tirarlo fuori".

Arquata del Tronto - Ci sono tre vittime del Comune in provincia di Ascoli "e il bilancio potrebbe salire". A confermarlo Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche, intervistato da Rainews. "Le strade sono percorribili - spiega il governatore - e Ascoli Piceno è l'ospedale di riferimento. Ora l'obiettivo è soccorrere le vite umane".

Pescara del Tronto - Sono dieci i morti nella piccola frazione del Comune di Arquata. "Nella frazione di Pescara la situazione è complicata anche perché la strada statale di accesso, che è quella che collega Ascoli a Norcia-Spoleto, è lesionata", spiega all'Adnkronos il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli. Due bambini romani, un maschio e una femmina, sono tra i morti causati questa notte. Lo sostiene una residente del posto, anche lei di origini romane. I due bimbi non erano fratelli. Sempre
secondo la donna, il padre di uno delle sue vittime sarebbe ancora sotto le macerie della sua casa. A Pescara del Tronto è
in corso una corsa contro il tempo da parte di decine di soccorritori per salvare la vita al maggior numero di persone ferite e rimaste bloccate sotto i resti delle case distrutte. "Il paese non esiste più - è il grido disperato del sindaco di Arquata, Aleandro Petrucci -, quasi tutte le case di Pescara del Tronto sono crollate. È un disastro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattoluciano48

    26 Agosto 2016 - 08:08

    Siamo alle solite. La corruziobe esiste ovunque, ma nel meridione raggiunge record con conseguenze mortali ...bisogna che il popolo si renda conto di questo...

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    25 Agosto 2016 - 12:12

    Se avessimo una magistratura degna di questo nome e delle leggi da paese civile, si metterebbero in galera per direttissima i responsabili, politici e non, dell'approvazione del progetto e quelli dell'impresa costruttrice. Questi fatti dimostrano quanta incapacità e corruzione sia presente nel "pubblico"" e quanto bisogno ci sia di leggi molto più severe delle attuali.

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    25 Agosto 2016 - 09:09

    come si fa a dichiarare antisismica una costruzione fatta di sabbia e sassi, non si vede sbucare un tondino di ferro dai calcinacci neanche a guardare bene, mi sa la solita storia di terroni che si sono spartiti la solita torta, tanto qui non succederà mai e quando e se sarà saremmo noi già morti! vergognoso, se sono vivi almeno accchiappateli e confiscategli i loro beni e sbatteteli in carcere.

    Report

    Rispondi

  • commentatore429

    24 Agosto 2016 - 21:09

    La redazione di libero quotidiano corregga urgentemente la notizia, trattasi di falsa informazione. Al primo sguardo, anche un occhio non molto attento si rende conto che la struttura portante della porzione crollata è in muratura di pietrame. L'edificio è in muratura non realizzato con tecniche costruttive recenti. Da altre foto si vede la campana con fascio littorio, è databile anni 1930 circa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti