Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

la visita

Il Papa nella Sinagoga: la Shoha è una lezione perenne

"Insieme con le questioni teologiche, non dobbiamo perdere di vista le grandi sfide che il mondo di oggi si trova ad affrontare. Quella di una ecologia integrale è ormai prioritaria, e come cristiani ed ebrei possiamo e dobbiamo offrire all'umanità intera il messaggio della Bibbia circa la cura del creato". Così Papa Francesco nel suo discorso in Sinagoga a Roma. "Conflitti, guerre, violenze ed ingiustizie - ha aggiunto - aprono ferite profonde nell'umanità e ci chiamano a rafforzare l'impegno per la pace e la giustizia. La violenza dell'uomo sull'uomo è in contraddizione con ogni religione degna di questo nome, e in particolare con le tre grandi religioni monoteistiche. La vita è sacra, quale dono di Dio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Megas Alexandros

    17 Gennaio 2016 - 22:10

    No, la Shoa è una solenne presa per il culo. Quegli spregevoli ebrei saranno tuoi fratelli, visto che come padre comune avete Satana! Io non sono fratello di un popolo perfido e crudele che chiama "puttana" la Santissima Vergine Maria e "figlio di una puttana" il mio Dio e Redentore Gesù Cristo! Bastardi, non fratelli!

    Report

    Rispondi

  • cosimo.sgura

    17 Gennaio 2016 - 20:08

    Ma perché il Papa non chiama le cose con il loro nome e cioè che quasi tutte le guerre del mondo sono scatenate da musulmani fanatici e senza scrupoli?

    Report

    Rispondi