Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

L'inchiesta di Libero

Gli affari sospetti degli amici del "Giglio": "Bastano 30mila euro..."

Oliviero Fani (in questo video, detto "l'indianino") e Luisa Chiavai Nocentini sono soci di un’associazione sportiva, la Asd amici dell’Indiano, a cui il Comune di Firenze, con Renzi sindaco, ha dato in gestione una costruzione ottocentesca, la Palazzina dell’indiano, per pochi euro al mese. In base al contratto, sub-affitti e sub-concessioni sono esclusi dalle condizioni della concessione.

Il secondo video: Luisa Chiavai Nocentini

Il business - La coppia però - come dimostrano questi video - non si ritrae quando un giornalista, sotto le mentite spoglie di un privato, chiede di poter avere in concessione a sua volta il palazzo. I due fanno intendere chiaramente che la cosa si può fare a patto di girare trentamila euro con due distinti assegni. Il business è svelato dal consigliere comunale di FdI Francesco Torselli.

Che sicurezza - Fani è molto esplicito: «Il sindaco (Nardella, ndr) non conta... ho preso questo locale perché sono amico di Renzi». E ancora: «Spero tu abbia capito quello che voglio fare... fai quel cazzo che ti pare, poi tu sai che alla fine dell’anno o ogni quattro mesi mi fai un regalino. Se non mi dai nulla mi incazzo». La signora Nocentini, con un ruolo di spicco nel gruppo Starhotels, non è da meno: «Ve l’ha detto Fani quali sono le condizioni?». «Quindicimila e quindicimila», risponde il giornalista. «Sì» conferma lei che suggerisce: «In Comune chiamo io che mi rispondono immediatamente».

Clicca qui, acquista una copia digitale di Libero
e leggi l'inchiesta di Giacomo Amadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni modena

    17 Dicembre 2015 - 07:07

    della serie anche loro sono ladri e ce ne sono troppi nel PD e nessun giudice indaga come sempre quando si tratta dei comunisti

    Report

    Rispondi

  • allianz

    16 Dicembre 2015 - 18:06

    Ho sentito tutta la storia dalle parole dirette del giornalista che li ha incastrati da radiopadania...Una storia da fare rizzare i capelli in testa per chi li ha.La banda dei toscani colpisce ancora.

    Report

    Rispondi

  • exbiondo

    16 Dicembre 2015 - 12:12

    peccato che la magistratura non abbia tempo per occuparsi di queste faccende, sta ancora ascoltando tutte le telefonate delle olgettine

    Report

    Rispondi

  • exbiondo

    16 Dicembre 2015 - 12:12

    se fossi uno di "cosa nostra" mi sentirei indignato dalla figura da pivello che mi fanno fare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti