Cerca

nicolina

Disperazione e degrado, dalla Panicucci la madre della 15enne due ore dopo la morte: cosa dice e chi accusa / Guarda

0

"Ho anche litigato al telefono con mia figlia: Mi fai stare male. Nicolina, io mi sto preoccupando, perché so cosa lui vuole fare". Donatella Rago, mamma della quindicenne uccisa con un colpo in faccia dal suo ex, Antonio Di Paola, subito dopo la sua morte parla ai microfoni di Mattino Cinque. "Quattro giorni fa mi chiamò un'amica di giù: Dona, l'ho visto alle scuole con un amico. Oddio, ho detto, questo qui sta programmando qualcosa. Detto, fatto. Non l'ha fatto quel pomeriggio. Lui sapeva che la bimba andava a scuola. Io ci ho anche litigato al telefono con mia figlia: Mi fai stare male! Lui non può, cioè lui deve poter uscire di qui, l'importante è che non viene sotto casa? Nicolina, io mi sto preoccupando, perché so cosa vuole fare... Tu l'hai conosciuto solamente in quell'istante che ti ha puntato un anno fa il coltello allo stomaco. Lei mi ha detto: Ma cosa vorresti, mi devo segregare in casa?. E io: No! Allora sai che c'è? Da domani esci, fatti la tua vita, va bene, ciao!. Lei: Ciao, ok, ciao. Le ultime parole dette tra me e la mia figliola".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news