Cerca

Diavoli e acqua santa

"Libera nos", il documentario sugli esorcismi che ha trionfato a Venezia

2

Si chiama "Libera nos" il documentario di Federica Di Giacomo, regista vincitrice della sezione Orizzonti alla Mostra del cinema di Venezia. Il protagonista della pellicola è il padre francescano Cataldo Migliazzo, esorcista a Palermo e tra i più richiesti della Sicilia. La regista, che ha lavorato al film per tre anni, ha voluto esplorare da una prospettiva laica il fenomeno degli esorcismi, in aumento esponenziale negli ultimi anni.

"Le persone si rivolgono a padre Cataldo come ultima risorsa, dopo psichiatri, maghi e ciarlatani", ha detto la regista. Nelle riprese si vedono persone grugnire, dimenarsi, piangere e sputare. E la bravura della Di Giacomo risiede nel raccontare gli esorcismi tenendosi a distanza dall'estetica horror. "Parlo di realtà, di esseri umani, non di paranormale. M mi interessava capire i preti, spesso non preparati, che fanno cose giuste e cose sbagliate, da esseri umani appunto. E l’umanità di queste persone che temono di dire alla società di sentirsi possedute ma nella chiesa, dove si sentono protette, si permettono di esplodere", ha aggiunto la regista.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabptt

    fabptt

    07 Settembre 2017 - 20:08

    diavoli qui non si vedono, solo ubriachi e drogati, forse i peggiori sono i pedofili con la palandrana porpora. ma, per me aveva ragione stalin, le religioni sono in cancro dell'umanità e qua non si discute aveva ragione al 100x 1000

    Report

    Rispondi

    • W.Munny

      07 Settembre 2017 - 22:10

      Ma Stalin aveva ragione al 100x1000 oppure al 1000x100 ?

      Report

      Rispondi

ultime news