Cerca

Il disastro

Vesuvio devastato dalle fiamme, nuovi roghi e migliaia di sfollati

1

Il Vesuvio continua a essere il fronte di fuoco più preoccupante in Campania. Se pure si è attenuata la situazione tra Ercolano, Torre del Greco e Boscoreale, un nuovo focolaio si è registrato a Terzigno e complessivamente sono ora undici le squadre di vigili del fuoco impegnate nello spegnimento dei roghi sulle pendici del vulcano: tre sono impegnate a Boscoreale, due a Terzigno, tre a Torre del Greco, una delle quali arrivata ieri sera da Torino, e tre a Ercolano. In azione anche due Canadair arrivati da Roma  nonchè un autobotte da 26.000 litri oltre quelle normalmente impiegate. Incendi anche a Napoli, nella zona degli Astroni, a Positano e San Rufo nel Salernitano, e a Montoro nell’Avellinese, oltre a diversi altri roghi per domare i quali la Protezione civile regionale, che ha 300 volontari sul campo, ha impegnato un altro canadair e cinque elicotteri. Intervento infine in mattinata a Ischia, a Barano in località Cretaio, dove un focolaio è stato subito messo sotto controllo. La colonna di fumo dei roghi sul Vesuvio continua ad essere visibile da ogni parte della città, e stamani, per effetto della cambio di direzione del vento, in alcune zone di Napoli era fortemente avvertibile l’odore acre del fumo e degli arbusti bruciati.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giseppe

    12 Luglio 2017 - 15:03

    Lasciate che bruci a loro non importa niete

    Report

    Rispondi

ultime news