Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Foggia

Timbrano il cartellino dei colleghi assenti: 13 arresti. Come li hanno beccati

Nuovo caso di dipendenti pubblici infedeli. I carabinieri di Foggia hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 20 impiegati del Comune. Di questi, 13 sono stati sottoposti agli arresti domiciliari e 7 alla sospensione dall'esercizio dei pubblici uffici per il reato di truffa ai danni dello Stato. Tra gli arrestati figura anche un dirigente. L'indagine è stata svolta dai carabinieri nei primi mesi del 2015 per contrastare l'assenteismo negli uffici comunali del capoluogo e ha mostrato come ogni indagato garantiva, a turno, la presenza degli assenti timbrando al loro posto i badge, fino anche a una decina per volta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    19 Maggio 2016 - 10:10

    Non bastano i semplici arresti domiciliari e il licenziamento...ci vogliono almeno 5 anni di lavori forzati e l'esproprio dei beni personali come la casa,la macchina e il resto che poi viene venduto all'asta !

    Report

    Rispondi

  • antoniobaldo

    10 Maggio 2016 - 09:09

    meglio anni 70-80 quando i bot erano al 14x100 e ti potevi assentare una settimana alla volta , per la presenza dovevi firmare ; e in Sicilia avevano tutti il doppio lavoro .

    Report

    Rispondi

  • clawrence2000

    09 Maggio 2016 - 17:05

    Basterebbe eliminare il badge e fare il controllo attaverso le impronte digitali o l'iride

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    09 Maggio 2016 - 13:01

    Tanti ragazzi a spasso e questi soggetti continuano a fare i comodacci loro

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti