Cerca

Bomba a orologeria

Dopo Chernobyl, allarme nucleare sull'Europa: nei prossimi 5 anni un nuovo devastante incidente

0

Nei prossimi 5 anni c'è l'80% di possibilità di un incidente atomico, una nuova Chernobyl, nelle centrali nucleari rimaste attive in Ucraina dopo il disastro del 1986. Uno degli eventi più disastrosi del Novecento europeo, dunque, potrebbe ripetersi a breve, e tutto dipende dalle condizioni fatiscenti delle quattro centrali ucraine e dei loro 15 reattori. 

Come spiega un reportage del Giornale, tutte le strutture ancora in funzione furono costruite in epoca sovietica e ora, facendosi carico di una produzione energetica nettamente superiore alle proprie capacità, hanno bisogno assoluto di manutenzione e ammodernamento. "Le centrali ucraine sono vecchie - accusa Dmitry Marunich, co-presidente del Fondo ucraino per la strategia energetica -. Non dovrebbero essere utilizzate per più di 30 anni, ma la vita di sette reattori è già stata prolungata. Fra pochi anni alcuni di essi non saranno più utilizzabili e andranno spenti una volta per tutte".

Nell'autunno 2014 c'è già stato un inquietante precedente: uno dei reattori della centrale di Zaporizzja si fermò, provocando un blackout che coinvolse decine di migliaia di persone. Pochi mesi dopo, non a caso, la centrale richiese una licenza di estensione della vita utile del reattore, segno che probabilmente il degrado delle strutture era ormai insopportabile. La rivista anglosassone Energy Research & Social Science aveva evidenziato come "gli incidenti alle centrali nucleari ucraine non vengono registrati nei database, nonostante i media statali ne abbiano dato notizia". Una mancanza di trasparenza che ricorda molto da vicino quanto accaduto poco più di trent'anni fa, quando per settimane le allora autorità sovietiche cercarono di minimizzare il rischio radiazioni e nascondere il devastante effetto fall-out di quei giorni, con 66 vittime accertate e una stima di persone coinvolte nei mesi e anni successivi, tra feriti, ammalati di leucemia e altre patologie derivate dall'esposizione alle radiazioni, che arriva addirittura ai 6 milioni di Greenpeace. "Se l'Europa non risolverà i problemi del nucleare ucraino nei prossimi anni - è l'allarme finale di Marunich - sarà tutto il Continente a doversi preoccupare. E non solo l'Ucraina".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news