Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Il docufilm

Napolislam, dieci storie di convertiti: "Così abbiamo lasciato Maradona per Allah"

"Succede così che un bel giorno Napoli si sveglia e si scopre islamica: dietro le barbe lunghe dei giovani e sotto i veli islamici delle ragazze non ci sono più solo arabi, ma napoletani, figli di cattolici, cattolici loro stessi fino a qualche anno prima. I loro nomi adesso sono cambiati: Francesco è diventato Muahammad, Claudia è diventata Zeynab. Anche Napoli è diventata Napolislam". E' questo il titolo del docufilm di Ernesto Pagano, che racconta dieci storie di napoletani convertiti alla religione musulmana, dal ragazzo che cercava Maradona e ha trovato la mano di dio (Allah) e chi da Che Guevara si è innamorato di Maometto.

E' l'islamizzazione dell'Europa mostrata attraverso una serie di storie, a volte tragiche, altre comiche, tutte diverse, e accomunate dall'esigenza di reagire a una crisi spirituale che ormai investe l'intera società. Un modo per guardare l'Islam da un’altra prospettiva e chiedersi per quale motivo la religione rivelata da Maometto ci sta lentamente conquistando.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    15 Luglio 2015 - 14:02

    Questo per comprendere la stupidita' della gente che non ha futuro e che puo' essere manipolata con false promesse e inutile violenza. La gente si converte perche' il cattolicesimo e' palloso e l'islamismo e' movimentato ribelle e violento , i giovani lo adorano. Far parte di qualcosa , questo importa ai cretini convertiti. Essere accettati da reietti , e redenti nella violenza. Masse stupide.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    15 Luglio 2015 - 07:07

    x obiettore: al Nord la prima etnia è quella arabo-islamica...fossi in tè comprerei il corano !

    Report

    Rispondi

  • FrancescaA

    15 Luglio 2015 - 00:12

    Dicevo nel primo commento che i giovani non sanno cosa sia, cosa è stato, il cristianesimo e che non serve andare tanto lontano per avere regole virtuose, la nostra religione è completa, ma a guardarla ora non si direbbe purtroppo. Stanno lanciando l'islam e chi ha fame di spirito si rivolge lì pensando che sia l'unica possibilità. E' un mondo ormai marcio

    Report

    Rispondi

  • FrancescaA

    15 Luglio 2015 - 00:12

    Non so cosa pensare; certo è che per dei ragazzi come questi meglio la religione che la droga e gli scippi, vivono in un contesto molto degradato. C'è anche da dire che il troppo Occidente ha davvero abbattuto qualsiasi morale mettendo allo sbando proprio i giovani che crescono senza sapere cosa sia la fede cristiana, a livello di sottocultura ancora di più, perché (continua)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti