Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

scontro

Barak Obama contro una contestatrice trans: "Lei è ospite a casa mia, si vergogni"

Ieri il presidente degli Stati Uniti ha tenuto un ricevimento alla Casa Bianca per celebrare i progressi compiuti dalla sua amministrazione per i diritti dei gay. Ma non tutti erano d’accordo. Barak Obama aveva appena cominciato a parlare quando una donna transgender si è messa a urlare fra il pubblico, accusando il presidente di far incarcerare e deportare gli immigrati illegali omosessuali.

La protesta – La contestatrice è Jennicet Gutiérrez, trans cofondatrice di Familia Tqlm, una organizzazione per la difesa dei diritti degli immigrati. Fra lei e Obama è nato un battibecco, durante il quale il presidente ha perso la pazienza richiamandola all’ordine: “Lei è ospite in casa mia, questo non è un comportamento rispettoso”. La Gutiérrez, tuttavia, non ha accennato a placarsi ed è stata allontanata dalle forze di sicurezza, sotto i “Si vergogni” di Obama.

Il problema – La trans ha spiegato così i motivi della sua contestazione: “Non c’è orgoglio nel modo in cui gli immigrati transgender sono trattati in questo paese. Se il presidente vuole celebrare con noi, dovrebbe rilasciare immediatamente gli immigrati gay e trans chiusi nei centri di detenzione”. Negli Stati Uniti uno su cinque casi di abusi nelle carceri è ai danni di transessuali, quando questi rappresentano solo 1/500 dei detenuti totali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    25 Giugno 2015 - 15:03

    Ho visto subito che era un ocone , di presidenti è un po' di tempo che non andiamo bene o per un verso o per l'altro non brillano per intelligenza.

    Report

    Rispondi