Cerca

News da Radio 105

Emma Marrone vola al cinema!

Emma Marrone vola al cinema!

Emma Marrone guarda al futuro. La cantante salentina ha ottenuto uno straordinario successo con il suo ultimo album e ora sta pensando a nuo......

 

ascolta ora

Radio 105

scontro

Barak Obama contro una contestatrice trans: "Lei è ospite a casa mia, si vergogni"

Ieri il presidente degli Stati Uniti ha tenuto un ricevimento alla Casa Bianca per celebrare i progressi compiuti dalla sua amministrazione per i diritti dei gay. Ma non tutti erano d’accordo. Barak Obama aveva appena cominciato a parlare quando una donna transgender si è messa a urlare fra il pubblico, accusando il presidente di far incarcerare e deportare gli immigrati illegali omosessuali.

La protesta – La contestatrice è Jennicet Gutiérrez, trans cofondatrice di Familia Tqlm, una organizzazione per la difesa dei diritti degli immigrati. Fra lei e Obama è nato un battibecco, durante il quale il presidente ha perso la pazienza richiamandola all’ordine: “Lei è ospite in casa mia, questo non è un comportamento rispettoso”. La Gutiérrez, tuttavia, non ha accennato a placarsi ed è stata allontanata dalle forze di sicurezza, sotto i “Si vergogni” di Obama.

Il problema – La trans ha spiegato così i motivi della sua contestazione: “Non c’è orgoglio nel modo in cui gli immigrati transgender sono trattati in questo paese. Se il presidente vuole celebrare con noi, dovrebbe rilasciare immediatamente gli immigrati gay e trans chiusi nei centri di detenzione”. Negli Stati Uniti uno su cinque casi di abusi nelle carceri è ai danni di transessuali, quando questi rappresentano solo 1/500 dei detenuti totali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    25 Giugno 2015 - 15:03

    Ho visto subito che era un ocone , di presidenti è un po' di tempo che non andiamo bene o per un verso o per l'altro non brillano per intelligenza.

    Report

    Rispondi