Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Delirio

Family Day, Kiko Arguello sul femminicidio: "Se la moglie se ne va primo moto è ucciderla, secondo è uccidere i figli"

Caduta di stile ai limiti dell’incredibile quella di Kiko Arguello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale. Il prelato ha tenuto un discorso durante la manifestazione del 20 giugno promossa a Roma, in piazza San Giovanni, dal Comitato “Difendiamo i nostri figli”. A far discutere è il suo passaggio sul femminicidio: “Dicono che questo tipo di violenza di genere -  ha cominciato - sia causato dalla dualità maschio-femmina. Bene, non è così. Se quest'uomo (riferito all'uomo svizzero che rapì le figlie e poi si uccise) è ateo nessuno gli conferisce l'essere come persona, ha solo una moglie che gli dà un ruolo: "Tu sei mio marito" e così lui si nutre dell'amore della moglie". Fino a qui ancora accettabile come ragionamento, come a dire che senza la presenza di Dio l’unica persona che nella coppia conferisce amore è la donna. Bene, ma è il seguito a gelare il sangue nelle vene.

La frase dello scandalo – Cosa succede infatti se la donna decide di lasciare il proprio uomo? Per un’altra donna, poi? Ecco, in questo caso l’omicidio è inevitabile: “Se la moglie lo abbandona e se ne va con un'altra donna quest'uomo può fare una scoperta inimmaginabile, perché questa moglie gli toglie il fatto di essere amato, e quando si sperimenta il fatto di non essere amato allora è l'inferno. Quest'uomo sente una morte dentro, così profonda che il primo moto è quella di ucciderla”. Ma il delirio non finisce qui. Non pago di aver praticamente detto che è normale pensare di uccidere la moglie se questa se ne vuole andare, Arguello coinvolge anche i figli: “il secondo moto, poiché il dolore che sente è mistico e terribile, piomba in un buco nero eterno e allora pensa: 'Come posso far capire a mia moglie il danno che mi ha fatto? Allora uccide i bambini. Perché l'inferno esiste”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • igcontin

    25 Giugno 2015 - 11:11

    L'articolo più imbecille che potessi leggere, e mi meraviglia che sia stato pubblicato su LIBERO. Dare pubblicità a queste idiozie è da criminali. Leggete invece l'articolo di Giuliano Ferrara ( https://onedrive.live.com/redir?resid=88FADD497A33EBA3!18767&authkey=!AKFRFF4H5qfcegc&ithint=file%2cdocxche pur essendo laico e non praticante , ha capito perfettamente il significato delle parole di Kiko

    Report

    Rispondi

  • bububu

    25 Giugno 2015 - 09:09

    che idiozie dite? primo non è un prete, già da questo si capisce il livello di chi scrive, secondo, mistificare le parole falsificando il senso è da Repubblica, ora io capisco che un giornalista vero costa, per risparmiare potete assumere uno stagista, tanto peggio di chi ha scritto questo articolo di certo non lo trovate.

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    25 Giugno 2015 - 09:09

    Di pazzi ne è pieno il mondo, a che serve evidenziare quel che vaneggia questo poveretto?

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    24 Giugno 2015 - 19:07

    non sto qui a difendere Arguello,pero´credo che molti femminicidi potrebbero essere evitati se ci fosse da parte delle vittime un approccio diverso,piu´ragionato e ragionevole,meno devastante per la psiche di soggetti gia´di per se mica normali.Voglio dire che prima di intraprendere una relazione o matrimonio,bisognerebbe capire e conoscere molto bene il partner

    Report

    Rispondi

    • sebin6

      24 Giugno 2015 - 21:09

      emigratoinfelix, cazzo che persona profonda, la scoperta più importante dopo quella dell'acqua calda.

      Report

      Rispondi

      • emigratoinfelix

        25 Giugno 2015 - 10:10

        ´magari potresti regalarci un tuo contributo sulla questione.Sicuramente leggeremo preziose perle di saggezza.

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti