Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Schifo negli Usa

Compra il pollo fritto da KFC e si trova in bocca un topo

Cosce, petto, ali e... coda. Ma...il pollo non ha la coda. La strana forma di quel pezzo di carne non è bastato a Devorise Dixon, per capire che c'era qualcosa di strano in quel che stava per addentare. Così ha preso in mano il boccone e ci ha ficcato i denti. Ma anzichè morbido, l'ha trovato duro e gommoso. Solo allora s'è fermato. Con le mani ha scostato la panatura e ha fatto una orribile scoperta. In mano (e poco prima in bocca) si è trovato un esemplare di topo con tanto di coda: spelato, spellato e fritto.

Aveva appena comprato il tutto in un negozio californiano di Kentucky Fried Chicken, famosissima catena americana di fast food specializzata in pollo fritto. Nonostante lo schifo, non s'è perso d'animo: ha scattato qualche foto al topastro, ci ha fatto pure un breve video e ha postato tutto sui social, a partire da Facebook. Foto e filmato hanno in breve fatto il giro del mondo. "Come ho dato un morso ho notato che quel pezzo era duro e gommoso. Quindi ho cercato di capire cosa ci fosse nell’impanatura e ho notato che la carne aveva la forma di un topo con una coda". Ora Dixon ha annunciato una dura battaglia legale: "Mi sento strano, voglio stare tranquillo e sapere che quello che mangio è commestibile" ha spiegato, ripreso dal sito di news leggo.it. Da parte sua KFC nega le accuse: "Non è stata trovata alcuna prova a sostegno delle affermazioni. La sicurezza alimentare è la nostra massima priorità in tutto il mondo e prendiamo accuse di questo tipo molto sul serio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • accanove

    17 Giugno 2015 - 16:04

    non ci vuole molto a mettere in scena una falsa intossicazione alimentare per chiedere un indennizzo, catene come quella citata scendono sempre a compromessi colpevoli o meno perchè anche solo la pubblicità del fatto li danneggia, e le truffe vanno a nozze

    Report

    Rispondi