Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Fregato

Marino, sindaco-vergogna prova con l'orgoglio gay

L'orgoglio da sindaco è ormai sepolto sotto terra dopo la vergogna di Mafia Capitale. Ignazio Marino, terremotato come tutto il Pd romano dall'inchiesta che ha toccato la sua giunta, maggioranza e opposizione, cerca per un giorno di dimenticare le affettuose telefonate della sua segreteria particolare con Salvatore Buzzi, il personaggio chiave dell'inchiesta. E prova a farsi prestare dai gay che sfilano nella capitale cion i soliti variopinti modi un po' di quell'orgoglio perduto. Quando è arrivato alla manifestazione però il sindaco di Roma non è riuscito a trattenersi dal baciare Eva Grimaldi, attrice protagonista dei film sexy della sua giovinezza...

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Fonzy

    16 Giugno 2015 - 18:06

    slogan delle sfilate gay_ 'no trav, si trav'

    Report

    Rispondi

  • giovanni.amodei

    15 Giugno 2015 - 15:03

    L'unico orgoglio rimasto al compilatore di note spese duplicate.

    Report

    Rispondi

  • Gianna1

    15 Giugno 2015 - 07:07

    Marinella.

    Report

    Rispondi

  • cicalino

    14 Giugno 2015 - 20:08

    Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti