Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

L'incidente a Boccea

Rom, l'assassino resta in carcere. La sorella: "Non preoccuparti uscirai presto"

Ha ammesso di essere alla guida della Lancia Lybra che il 27 maggio scorso ha travolto nove persone a Roma, uccidendo una donna, e di non essersi fermato all’alt intimato dalla polizia per paura: era senza documenti e temeva di pagarla cara. Antony, il rom di 17 anni, fermato assieme al fratello 19enne dopo una fuga di alcuni giorni, deve però restare in carcere. Il gip del tribunale dei minori, che lo ha interrogato ha convalidato il auo arresto ed emesso un’ordinanza di custodia cautelare per concorso in omicidio volontario con dolo eventuale, reato contestato anche al fratello maggiore e alla convivente di 17 anni, la prima ad essere finita in manette dopo quell’assurdo inseguimento in via Mattia Battistini concluso nel sangue.
Ma dalla trasmissione "Dalla parte vostra" condotta da Paolo Del Debbio, arriva la rassicurazione della famiglia rom. "Tranquilli, tanto fate poca galera", ha detto la sorella di Antony ai microfoni dell'inviato del programma. A convincere i suoi fratelli a consegnarsi alla polizia sarebbe stata la madre. "Non devono mettersi a piangere, non devono disperarsi perché avranno una pena bassa. Dal carcere si esce...", ha ribadito la sorella. "Fatti coraggio", ribadisce "sarà per per poco, non per tanto. Poi tornerai presto a casa da noi". Dallo studio Del Debbio si innervosisce e la interrompe: "Non ritiene che dovrebbero restare di più, per essere rieducati?". La risposta della rom è stata: "No, sono già educati. Potevano anche morire loro. Antony è un bambino. Se avesse avuto 18 anni si sarebbe fermato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lureal1913

    20 Settembre 2015 - 15:03

    caro Del Debbio,non sono due ragazzi arrestati,sono due ragazzi-assassini arrestati.

    Report

    Rispondi

  • lureal1913

    20 Settembre 2015 - 15:03

    queste cose fanno veramente schifo!chi ragiona furbescamente ed ipocritamente come la ZINGARA meriterebbe di essere cacciato a calci nel sedere,insieme a chi lidifende altrettanto furbescamente ed ipocritamente,tipo simpaticoni come carabue,kalid,castaldini e gli altri galantuomini a senso unico.

    Report

    Rispondi

  • paulocorsetti

    19 Settembre 2015 - 10:10

    è una vergogna intervistare certe persone.

    Report

    Rispondi

  • francoify

    francoify

    05 Giugno 2015 - 10:10

    La Ravetto parla di regole, urla come il "Battista nel deserto". Ma francamente farebbe bene a tapparsi la bocca, lei che viene da un partito responsabile dell'affossamento del ns. paese. Oltre tutto facciamo già fatica a digerire l'inchiesta di "Mafia capitale" mazzette, milioni di Euro, arresti, ecc." I rom hanno sbagliato certo, ma la classe dirigente quali esempi sta dando? State zitti!!!

    Report

    Rispondi

    • donatella.cortellucci

      05 Giugno 2015 - 11:11

      Ma da che mente può uscire un ragionamento del genere. Come dire che siccome c'è del marcio tutto il resto può imputridirsi. Tutti zitti senza un buon esempio è tutto ammesso.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti