Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Palloni rotanti

Fifa, Blatter "minaccia" Michel Platini: "Io perdono tutti, ma non dimentico..."

"Possono fare tutte le indagini che vogliono, non sono assolutamente preoccupato". A dirlo è il neo rieletto presidente Fifa Joseph Blatter, nel corso di una conferenza stampa a Zurigo, in merito all'inchiesta dell'Fbi che ha portato all'arresto di sette dirigenti. Blatter si è mostrato tranquillo e perfettamente sicuro di sé e, rispondendo a una domanda su un suo possibile arresto, ha risposto: "Perché mai dovrei essere arrestato?". Il colonnello della Fifa rieletto per il quinto mandato ha poi sostenuto di essere "stato colpito da attacchi personali" e di essere "stato scelto dal congresso con il voto", quindi in maniera del tutto legittima. Il riferimento agli attacchi era già stato ampiamente approfondito nel suo intervento alla tv svizzera, in cui si era subito scagliato contro Michel Platini. "C'è un odio che non viene soltanto da una persona, ma da un'organizzazione, la Uefa, che non ha capito che nel 1998 sono diventato presidente", ha detto il 79enne svizzero. Poi una frecciata contro l'ex campione della Juventus, oggi numero uno del calcio europeo: "Io perdono tutto, ma non dimentico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • direttoreemilio

    31 Maggio 2015 - 15:03

    Spero che vada presto in usa, cosi lo arrestano come kahn.

    Report

    Rispondi