Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Vinogate

Corradino Mineo: "Una coop mi mandò 3mila euro in una busta. Li respinsi..."

"Quando ero direttore di Rai News le coop mi assediarono per 15 giorni chiedendomi di andare a una loro manifestazione. Accettai perché c'era don Luigi Ciotti. Dopo si presentarono da me con una busta contenente 3 mila euro. Rifiutai, e dissi di darli in beneficenza a don Ciotti". Lo rivela a Libero Tv l'ex direttore Rai e attuale senatore del Pd, Corradino Mineo, commentando il vinogate di Massimo D'Alema. Mineo spiega che al posto di D'Alema non avrebbe venduto quel vino alle Coop, ma capisce perché si siano allentate le difese del leader politico: "Lui non avrebbe mai preso soldi per sè, ma per la fondazione sì". Mineo sostiene che il vino di D'Alema è molto buono, anche se non 'ha mai sorseggiato: "Me l'hanno detto amici che ci capiscono". Corradino è preoccupato per queste vicende di corruzione di piccolo cabotaggio: "sono il segno di tempi in cui non c'è più spesa pubblica". Non dà grande peso però ai bracci di ferro di D'Alema con la stampa: "Massimo è sempre stato antipatico. Da amico gli direi di lasciare perdere. Però lui era così sulla stampa anche quando era presidente del Consiglio. E anche Matteo Renzi è così e piace a tutti...".

di Franco Bechis
@FrancoBechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400