Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Il potere del califfato

Iraq, l’Isis saccheggia e distrugge l'antica città assira di Nimrud

L'ascesa dell'Isis è sempre più veloce e oltre all'elevato numero delle vittime ora il califfato ha un altro preziosissimo bersaglio: il patrimonio artistico dell'Iraq. I militanti dello Stato islamico hanno saccheggiato e raso al suolo l'antica città assira di Nimrud, nel nord del paese. Lo hanno reso noto fonti del governo e delle tribù locali. I miliziani dell'Isis hanno raso al suolo con una colonna di bulldozer, nei pressi della città di Mosul, occupata dal Califfato di Abubakr al Baghdadi. "Un crimine di guerra", lo ha definito l'Unesco.  La direttrice generale, Irina Bokova, fa "appello a tutti i responsabili politici e religiosi della regione a sollevarsi contro questa barbarie".

La notizia- Il ministero del Turismo e delle Antichità irachene ha diffuso la notizia dello scempio con un post sulla sua pagina Facebook. Non ci sono dettagli sull'estensione dei danni, ma si afferma che l'Isis continua "a sfidare la volontà del mondo e i sentimenti dell'umanità". All'inizio di quest'anno gli uomini di al Baghdadi avevano annunciato l'intenzione di distruggere i reperti archeologici con la motivazione che per loro offendevano l'Islam. E il 26 febbraio erano arrivate, tramite un video di pochi minuti, le immagini della devastazione del museo di Mosul, e della distruzione di statue e manufatti. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    06 Marzo 2015 - 17:05

    Sono i degni epigoni del califfo Omar terzo. (quello che finì di distruggere l'antica biblioteca di Alessandria)

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    06 Marzo 2015 - 16:04

    Feccia dell umanità, barbari ignoranti, con questi atti si sono ricavati nella storia l appellativo di bestie

    Report

    Rispondi

  • marari

    06 Marzo 2015 - 15:03

    E' sconvolgente, ma stanno distruggendo anche le nostre città, che hanno una storia millenaria. Ma questo non fa notizia. Basta muoversi a Roma per capire di cosa si tratta, una città si distrugge anche senza usare un martello pneumatico, ma facendola diventare uno zozzo suk o una moschea a cielo aperto. Che ne dite?

    Report

    Rispondi