Cerca

News da Radio 105

Emma Marrone vola al cinema!

Emma Marrone vola al cinema!

Emma Marrone guarda al futuro. La cantante salentina ha ottenuto uno straordinario successo con il suo ultimo album e ora sta pensando a nuo......

 

ascolta ora

Radio 105

Orrore

Libia, il video della decapitazione dei 21 egiziani coopti

I militanti dello Stato islamico hanno diffuso un video che mostrerebbe la decapitazione di 21 egiziani cristiani che erano stati rapiti in Libia. Lo fa sapere la televisione al-Jazeera. Il video è comparso sull’account Twitter di un sito internet che sostiene il gruppo dello Stato islamico. Nel video i militanti vestiti di nero fanno camminare i prigionieri, vestiti con tute arancioni, su una spiaggia. I prigionieri vengono costretti a inginocchiarsi, per poi essere decapitati. Il filmato dura cinque minuti. In una didascalia si legge: "Il popolo della croce, seguaci dell’ostile chiesa egiziana". Migliaia di egiziani si sono recati nella vicina Libia per cercare un lavoro dopo la rivolta del 2011, nonostante i consigli del loro governo di non recarsi in uno dei Paesi più pericolosi della regione..

La reazione - E questa mattina, luned 16 febbraio, i caccia hanno colpito campi di addestramento e magazzini di armi dello Stato islamico in Libia e sono tornati indenni alle basi. "Facciamo sapere ai vicini e ai lontani - tuona l'esercito del Cairo - che gli egiziani hanno uno scudo che li protegge". Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha incaricato il ministro degli Esteri, Sameh Shukri, di andare "immediatamente" a New York per le riunioni necessarie all’Onu e nel Consiglio di Sicurezza e chiedere una reazione internazionale. Shukri porrà la comunità internazionale di fronte alle "sue responsabilità" perché prendano "le misure adeguate" per far rispettare la carta delle Nazioni Unite tenendo conto che tutto quello che sta succedendo in Libia "è una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale". La Casa Bianca ha già sottolineato "l'urgente necessità per una soluzione politica al conflitto in Libia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Kerenkeren

    16 Febbraio 2015 - 18:06

    e pensare che noi andiamo a prendere anche questi futuri barbari assassini anche a 300 miglia da Lampedusa penso che siamo il popolo piu' autolesionista della galassia ,il tutto per accontentare un branco di CATTOCOMUNISTI ,che ne fanno,come dimostrato,un fine di lucro, mascherato da fine caritatevole.

    Report

    Rispondi

  • salvio53

    16 Febbraio 2015 - 11:11

    bisogna andare a tagliare le gole anche a loro prima di trovarceli in casa. sono in Libia sicuramente avranno tra i migranti gente loro che aspettiamo che ci circondino? bisogna ristabilire la legge del taglione con questi delinquenti

    Report

    Rispondi

  • jerico

    16 Febbraio 2015 - 10:10

    3°Commento....a che prò,visto che sono condannati a morte?Lo scopo di questo caos che è arrivato ai confini dell'Italia,(anello debole dell'Europa) è di metterla in ginocchio per evitare una futura allenza con la Russia.I continui sbarchi degli africani lo diceva Nostradamus nelle Centurie:''...tremeranno i liguri,tremeranno i maltesi...''.Una situazione che vediamo oggi!

    Report

    Rispondi

  • jerico

    16 Febbraio 2015 - 10:10

    2°Commento.Osservate la colonna degli incappucciati e dei prigionieri,c'è una sproporzione enorme,gli incapucciati sembrano giganti,mi fa pensare che i mediorientali essendo di bassa statura,hanno a fianco a loro un'altra genìa di persone,magari sono anglosassoni,magari agenti della CIA sotto copertura.Gli incapucciati si prendono la briga di confezionare tute arancioni ,(segue 3°commento)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti