Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Malasanità

Napoli, la Cgil punta il dito: "L'assistenza sanitaria nella nostra città è allo sfascio"

Sovraffollamento, barelle nei corridoi che intralciano il passaggio, letti esauriti e blocco dei ricoveri. I disagi negli ospedali di Napoli dovuti soprattutto al boom di ricoveri di questo inizio anno, sono da record, tanto che la prefettura in questi giorni ha inviato una nota ai vertici di Asl 118 e ospedali. Molte, troppe le proteste che arrivano da sindacati e pazienti. Ai nostri microfoni la dott.ssa Anna Canzanella segretaria provinciale CGIL Napoli non fa troppi giri di parole e punta il dito contro la programmazione sanitaria della Regione Campania da lei definita "inefficiente". "Le barelle oramai non sono più un fenomeno, sono la quotidianeità negli ospedali di Napoli - dichiara la dottoressa - l'assistenza sanitaria nella nostra città è allo sfascio, i livelli essenziali di assistenza non sono garantiti". Le vittime per la dott.ssa Canzanella, sono i cittadini, che pagano la compartecipazione alla spesa più alta d'Italia, ma anche gli operatori del settore sanitario ai quali non è permesso di lavorare, nelle giuste condizioni garantite dalle norme della sicurezza sul lavoro, che consentirebbero loro di offrire un migliore servizio assistenziale. La Cgil, ricorda la segretaria provinciale, il 30 gennaio farà una conferenza dei servizi nell'Asl Napoli 1 ponendo l'accento sulla questione sanitaria della città. Per uno strano scherzo del destino, la conferenza anticiperà di un giorno la chiusura dell' Ospedale S.Gennaro alla Sanità, chiusura dovuta al piano di rientro del bilancio sanitario regionale.

 

di Cristiana Barone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RULI5646

    13 Gennaio 2015 - 15:03

    La solerte CGIL oltre a puntare il dito ha per caso anche provato a domandarsi di chi sono le responsabilità dello sfascio ?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    13 Gennaio 2015 - 07:07

    Ahi... quando i napoletani iniziano a piangere, bisogna mettere mano al portafoglio. Quelli sono come gli zingari, non se la sanno cavare da soli, bisogna che paghino sempre gli altri.

    Report

    Rispondi

  • encol

    13 Gennaio 2015 - 07:07

    La sanità, paradiso della corruzione , è allo sfascio in tutto il paese. Al governo abbiamo un bullo incapace , in sanità la Lorenzin ovvero al nulla. Siamo in un paese che funziona con il medico della mutua con mansioni di passacarte . Oggi, in tutto il resto del mondo, sono le macchine a scoprire, per tempo, le malattie non il lettino + stetoscopio nelle mani di incapaci ma raccomandati

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    12 Gennaio 2015 - 23:11

    Dovete prendervela con i vostri politici ed Amministratori che si sono fregati i soldi da tutte le parti per i loro sollazzi.

    Report

    Rispondi