Cerca

News da Radio 105

Lady Gaga madrina

Lady Gaga madrina

Lady Gaga è stata scelta per essere madrina della figlia di due suoi amici, Brian e Angie. Su Instagram la cantante ha postato una foto in c......

 

ascolta ora

Radio 105

L'avvertimento

L'Isis minaccia Roma: ecco il video choc

Mentre a Parigi si spara, la minaccia degli islamisti fa tremare Roma. Dopo la bandiera dello stato islamico piantata in Piazza San Pietro nel magazine ufficiale degli uomini in nero, la città simbolo della cristianità è la protagonista di un video apparso in rete in cui si inneggia alla vendetta per gli insulti ai mussulmani. “Isra Media Production”, una sigla nuova anche per gli esperti del settore. Immagini dei campi di addestramento in Medio Oriente e dei raid americani sono intervallati da ricorrenti immagini del Colosseo, Pantheon, Piazza Navona, Fontana di Trevi e ovviamente del Vaticano. Poi al minuto 1.14 quello che appare come l'ennesimo messaggio agli alleati dell'America. Affaritaliani.it ha chiesto ad un analista di questioni mediorientali di verificare l'attendibilità delle immagini e la fonte.


Il video del terrore - “Verificare l’attendibilità del filmato è difficile – afferma ad Affari Gianmarco Volpe, giornalista dell'agenzia Nova - di certo, non si tratta di una rivendicazione dell’attentato di Parigi da parte dello stato islamico come il titolo del video vorrebbe fare intendere: le immagini non hanno riferimenti all’attacco a Charlie Hebdo. Non ci sono nemmeno indicazioni che mostrano che lo Stato islamico sia effettivamente autore del filmato”. “Il ricorrere insistente delle immagini di Roma può destare impressione, ma il tema della conquista della capitale italiana è già stato fatto proprio in più occasioni da Abu Bakr al Baghdadi, leader dello Stato islamico e auto-proclamatosi califfo. Per i jihadisti Roma, cuore della cultura e della religione cattolica, è un riferimento di grande valenza simbolica più che un obiettivo concreto. Questo non significa che l’Italia non corra pericoli o che possa abbassare le difese. Rispetto a paesi come Francia e Gran Bretagna, i numeri dicono che dall’Italia sono partiti meno jihadisti diretti in teatri di guerra come la Siria e l’Iraq. Questo rende più facile il lavoro della nostra intelligence nel tracciarne gli spostamenti. La minaccia dei lupi solitari è però sempre presente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ProphetOne

    12 Gennaio 2015 - 19:07

    Invito tutti gli infervorati a ricordare che l'ISIS è figlia del dipartimento di stato americano. Loro lo hanno creato e finanziato, e loro ora lo stanno per terrorizzare i cittadini occidentali. Siete tutti molto spaventati. E' esattamente quello che volevano. Ora, qualsiasi provvedimento restrittivo della libertà vi proporranno, voi lo accetterete. Auguri.

    Report

    Rispondi

  • cirripede

    10 Gennaio 2015 - 22:10

    Se questa è la minaccia a Roma, basta il traffico sul raccordo anulare a fermarla.

    Report

    Rispondi

  • danilo988

    10 Gennaio 2015 - 15:03

    Non serve a nulla commentare. stare a parlare a lamentarsi. bisogna reagire. bloccare e stanare. bisogna far rispettare le reglole e la nostra cultura.. PERCHE' E' NOSTRO DOVERE PERCHE' E' CASA NOSTRA Non bisogna favorire l'ignoranza sia quella che viene da fuori sia la nostra. Noi non siamo italiani solo ai mondiali. gli italiani sono distratti ma adesso bisogna SVEGLIARSI e DIFENDERE.

    Report

    Rispondi

  • silvio47

    10 Gennaio 2015 - 09:09

    il mio commento è semplice, due bombe atomiche dove serve, cosi è finita una volta x sempre,facile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti