Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Ops!

Tg5 sexy: le giornaliste "hot" per colpa della scrivania trasparente

Paola Rivetta, Costanza Calabrese e Barbara Pedri in mutande: brutto scherzo per le belle giornaliste del Tg5, che, causa della scrivania trasparente, sono finite "a casa degli italiani", come si suol dire, in déshabillé. Colpa dell'arredatore, semplice svista o mezzuccio per alzare l'audience? Non è dato sapere, ma, come nota giustamente Striscia la notizia, il tg diretto da Clemente Mimun sta esagerando con la "trasparenza giornalistica": sedute dietro la scrivania, con la consueta aria professionale, complice il riflesso del vetro, le rigorosissime conduttrici hanno offerto ai telespettatori molto di più della semplice informazione serale: biancheria sexy e notizie, un mix letale che magari non si confà a un telegiornale istituzionale come quello di Canale5. Urge cambiare scrivania o almeno renderla più opaca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • viola52

    28 Ottobre 2014 - 11:11

    certo che per riuscire a vedere le mutande bisogna essere arrapati tanto ma tanto!!!! ^_^

    Report

    Rispondi

  • NinettaNi

    24 Ottobre 2014 - 12:12

    Non credo ci abbiamo fatto caso in molti. Come sono pignoli!!! Ma non hanno altro da fare? Qualcosa che non sia la mutandina appena visibile, ma seria, audiance e altro?

    Report

    Rispondi

  • NinettaNi

    24 Ottobre 2014 - 12:12

    Non credo ci abbiamo fatto caso in molti. Come sono pignoli!!! Ma non hanno altro da fare? Qualcosa che non sia la mutandina appena visibile, ma seria, audiance e altro?

    Report

    Rispondi

  • alfabetazed

    23 Ottobre 2014 - 22:10

    Cosa non fa la Tivvù di regime per risollevare le sorti (e l'audience!) della programmazione di 'informazione'. Tutto fa brodo, anche le cosce di due ragazze mezzobusto. Si, indubbiamente meglio guardare sotto le loro gonne che ascoltare la solita trippa velinara disinformatiiva. Non per nulla i 'media embedded' si definiscono media di distrazione di massa'!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti