Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Arte

Leonardo, la Gioconda e San Giovanni sono la stessa persona

“Il volto della Gioconda è altamente compatibile con quello del San Giovanni dell’Ultima Cena di Leonardo”: è la tesi di Carla Glori, critica d’arte che in una precedente ricerca aveva già identificato la modella della ‘Gioconda’ in Bianca Sforza, ritratta sullo sfondo di Bobbio. Per la studiosa sarebbe proprio Bianca Giovanna Sforza, dunque, la modella che ha ispirato Leonardo da Vinci sia per il San Giovanni sia per la Gioconda. In particolare, la Gioconda sarebbe il ritratto nuziale della ragazza, poi sospeso per la morte della modella, portato via nella fuga da Milano nel 1499 per poi essere terminato in un momento successivo. Al ritratto, Leonardo avrebbe lavorato nello stesso periodo in cui tratteggiava ‘L’ultima cena’.

“Convenire sul fatto che il volto di Giovanni sia femminile non sottende qui risvolti esoterici né tantomeno implicazioni religiose (come ad esempio avviene nel romanzo di Dan Brown), ma sottolinea esclusivamente – conclude Glori – la scelta operata da Leonardo di dare il volto della pura e virginale Giovanna Bianca all’apostolo Giovanni prediletto di Cristo e tramandato anch’egli con caratteri di purezza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxalexmax

    20 Settembre 2014 - 20:08

    Gesù di Nazaret, Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti avendo avuto un intelligenza simile, basata su processi ricorsivi, giochi di specchi, procedimenti inclusivi; hanno avuto un volto somigliante verso il termine della loro vita pur avvenuta in età e condizioni diverse. La Sindone e somigliante al ritratto di Leonardo. Cfr. ebook/book. Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    13 Settembre 2014 - 20:08

    Il volto di Giovanni non è femminile, semmai quello della Gioconda è maschile! La modella di Leonardo quasi sicuramente non era Bianca Sforza, ma il suo allievo ed amante Gian Giacomo Caprotti, detto Salai. (Mon Salai è l’anagramma di Mona Lisa). Comunque, il vero capolavoro del grande genio è un autoritratto: La Sacra Sindone!

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    13 Settembre 2014 - 14:02

    Non si capisce bene in base a quali "fotografie" , la critica d'arte abbia potuto sostenere questa nuova fantomatica identificazione della modella della gioconda! Né si capisce bene perché Leonardo l'abbia usata anche per disegnare il volto di San Giovanni! Come simbolo di purezza? ma da quando in qua la donna è simbolo di purezza??? Ve lo siete dimenticato cosa ha combinato Eva a suo tempo?????

    Report

    Rispondi