Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

L'imprevisto

Nibali vince al Tour de France, ma la miss rifiuta il suo bacio

"Lo squalo dello stretto", l'italiano Vincenzo Nibali, sale sullo scalino più alto del podio della seconda tappa del Tour de France. l leader del team Astana coglie l'attimo giusto a poco più di un km dal traguardo e vince la seconda tappa, la York-Sheffield di 201 km, conquistando il primo posto della classifica generale. Corsa difficile, caratterizzata da ben 9 gran premi della montagna (uno di seconda categoria, 5 di terza categoria e tre di quarta categoria). Ma alla fine è festa, anche se con qualche imprevisto. Appena vinta la tappa, Nibali, sale sul podio, ma fatica a ricevere i bacini dalle miss: una addirittura non glieli concede.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • romamaccio

    07 Luglio 2014 - 12:12

    Si ero collegato in diretta guardando il tour de france, alla premiazione ho notato subito il rifiuto della RAZZISTA ,e mi domando come i responsabili del tour non prendano immediati provvedimenti nei suoi confronti di sbatterla fuori,ha offeso me in prima persona con tutti gli Italiani e rispettivi sportivi mondiali.

    Report

    Rispondi

  • cecco61

    07 Luglio 2014 - 12:12

    Una finalmente che si ribella. Mi sono sempre chiesto come facciano quelle povere ragazze a baciare qualcuno, sicuramente un campione, ma indubbiamente sudato e puzzolente.

    Report

    Rispondi

    • vaccax99

      08 Luglio 2014 - 18:06

      A te che te ne frega, o volevi essere al posto della "miss"_stronza?

      Report

      Rispondi

    • xabaras1

      07 Luglio 2014 - 15:03

      Se qualcuna vuole fare altro nella vita, liberissima di farlo. Se decide di fare la hostess ad una manifestazione sportiva sa che, fra le altre cose, dovrà dare un paio di baci sulle guance del vincitore. Che non mi sembra sia come lavorare in miniera, E cmq, ribadisco, se una non vuole fare questo lavoro, liberissima di sceglierne un altro, ma se lo fa, che lo faccia come si è sempre fatto

      Report

      Rispondi