Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Dall'India

L'attacco dei marò: "Abbiamo obbedito agli ordini, ma siamo ancora qui"

"Due grandi democrazie devono dialogare, anche perché ci sono dei Trattati firmati. Tutti sanno tutto, ma noi siamo ancora qui". In collegamento video da Dehli con Camera e Senato, il fuciliere della Marina Massimiliano Latorre manda un messaggio forte alle autorità politiche e diplomatiche d'Italia proprio nel giorno della Festa della Repubblica. Un invito a fare qualcosa, dopo quasi due anni e mezzo di carcere in India, ma sempre nel rispetto dei ruoli, come impone la tradizione militare: "Con 30 anni di esperienza, so quale sia la mia sfera competenza e il recinto dal quale non voglio e non posso uscire. Ma dico che due democrazie si devono incontrare. Quel che possiamo fare è comportarci da militari e da italiani, e soffrire con dignità in attesa che questa storia possa avere termine". Più duro l'altro marò italiano, Salvatore Girone: "Abbiamo obbedito a degli ordini e oggi siamo ancora qui presenti. Abbiamo mantenuto una parola, quella che ci era stata chiesta di mantenere e che ancora con dignità e onore per la nostra Nazione e per tutti i soldati italiani continuiamo a mantenere". "Ogni militare impegnato in questo momento, americano o inglese, italiano o indiano - ha concluso -, deve sentirsi tutelato nei propri diritti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    04 Giugno 2014 - 11:11

    Cari Maro' : I veri codardi sono i vostri superiori. Quelli si che' vi hanno abbandonati . I politici Italiani hanno altre cose da non fare. Io vi consiglio a questo punto di tentare la fuga. Che Dio vela mandi buona !!

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    03 Giugno 2014 - 18:06

    Un'altra cosa ci tenevo a dirla. Se il governicchio italiano fa il coniglio in nome di quattro affari economici, si ricordi bene che ai codardi non li rispetta nessuno, nemmeno in affari. L'Italia oggi dovrebbe per contropartita innanzitutto ritirare un po' di mezzi militari dalle missioni estere, poi esigere la difesa della Nato e della UE, pena il non-pagamento dei miliardi di euro annuali.

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    03 Giugno 2014 - 18:06

    Soldati Italiani, gran cuore, leoni, hanno da sempre stupito il mondo. Peccato per le alte gerarchie militari italiane, vendute, codarde, inadeguate alle cariche ricoperte. Fu così nelle 2 guerre mondiali, è così oggi. I due Marò staranno ancora decenni in India,salvo non mutino gli interessi indiani. Allora magari ce li rispediscono loro di loro sponte. Non certo per pressioni politiche italiane.

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    03 Giugno 2014 - 18:06

    Soldati Italiani, gran cuore, leoni, hanno da sempre stupito il mondo. Peccato per le alte gerarchie militari italiane, vendute, codarde, inadeguate alle cariche ricoperte. Fu così nelle 2 guerre mondiali, è così oggi. I due Marò staranno ancora decenni in India,salvo non mutino gli interessi indiani. Allora magari ce li rispediscono loro di loro sponte. Non certo per pressioni politiche italiane.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti