Cerca

Di Franco Bechis

Un profugo bussa in chiesa? Chiusa per ferie

0

Siamo in via Monserrato a Roma, a due passi da piazza Farnese e da Campo di Fiori. Quella che troviamo qui a sinistra è la chiesa di San Girolamo della carità, titolare dell'antica diaconia, sorta nel IV secolo dopo Cristo proprio nel luogo in cui c'era la casa di San Girolamo. I fedeli in cerca di una funzione, come i turisti che girano la capitale per vedere i suoi tesori segreti, se si avvicinano trovano una amara sorpresa. Un cartello appeso all'entrata principale recita : “Estate 2017- La Chiesa resta chiusa dal 10 luglio fino al 16 settembre”. Quindi porte sbarrate per ben 69 giorni. Lo stesso cartello si trova anche davanti alla entrata secondaria della Chiesa, spiegando che “le attività pastorali ricominciano domenica 17 settembre con la messa alle 11,30”. E' un problema per i fedeli, perché se è vero che le chiese non mancano nel centro di Roma, è anche vero che molte altre sono chiuse proprio in questa zona per esigenze di ristrutturazione. Ecco qui i lavori che bloccano in via Giulia l'accesso alla chiesa di Santa Maria dell'orazione e morte.

San Girolamo della carità che chiude per ferie ben 69 giorni non è una chiesa abbandonata con un povero parroco molto anziano che per la crisi delle vocazioni deve fare tutto da solo. Dal sito Internet si scopre che non solo a guidarla c'è un rettore, ma che sono molti i sacerdoti ad operare lì. C'è perfino un cappellano della comunità di fedeli slovacchi, che o stanno in ferie tutto questo periodo o dovranno peregrinare per cercare una funzione domenicale. C'è perfino una comunità di suore retta da suor Teresina. Ma la chiusura non comporta soltanto problemi di coscienza. San Girolamo della carità è infatti un luogo d'arte importante nella capitale. Al suo esterno un cartello del comune di Roma indica come tappa per il turismo d'arte la cappella Spada interna realizzata da Francesco Borromini. Ci sono dipinti del Domenichino, e una cappella che è l'unica opera realizzata a Roma da Filippo Juvarra, l'architetto che a Torino ha realizzato la Basilica di Superga. Non solo, ma nella struttura ci sono anche l'oratorio e le stanze di San Filippo Neri, mèta importante del turismo religioso. Sembra incredibile che ai turisti per così lungo tempo venga impedita la visita. Così proviamo a chiamare l'ordine di suore che custodisce la struttura fingendo di preparare per amici una visita artistica. La suora sulle prime tentenna, poi però chiude la porta ad ogni possibilità: no, la chiesa è chiusa e fino al 16 settembre anche i turisti debbono girare alla larga.

Va bene per le ferie, che anche i preti si meritano. Ma di questi 69 giorni di muro alzato da una chiesa nel centro di Roma, ne sa qualcosa papa Francesco? E se per caso bussasse a quella porta un povero profugo in cerca di riparo, che verrebbe risposto? Mi spiace, siamo in ferie?

di Franco Bechis
@FBechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news