Cerca

Di Franco Bechis

"Mamma, il Pd!". L'ultima trovata di Matteo Renzi

0

È stata l'ultima trovata di Matteo Renzi all'assemblea del Pd che lo ha rieletto segretario dopo le primarie. Davanti ai mille delegati che lo ascoltavano, Renzi ha spiegato che il suo partito ora deve ripartire da tre parole. La prima - "lavoro" - sembrava scontata. La seconda - "casa" - è un pizzico divisiva. La terza invece ha sorpreso tutti, tanto è che non è scattato subito l'applauso: "mamma". Forse Renzi deve recuperare mesi in cui il suo partito è stato identificato come quello del "mammo", vista che fra le poche leggi arrivate in porto c'è quella sulle unioni civili. Con i dati non entusiasmanti del primo anno di applicazione di quella legge, arriva la svolta (non graditissima a Monica Cirinnà) che ci fa gridare tutti: "Mamma, il Pd!". Chissà se il nuovo inno ufficiale sarà la celebre canzone popolare cantata anche da Claudio Villa: "Balocchi e profumi", con quel suo "Mamma" cantato a piena gola. Ecco che ne pensano al volo alcuni dei partecipanti all'assemblea, come Gea Schirò, Antonello Giacomelli, Gregorio Gitti, Emanuele Fiano, Michele Emiliano e Cesare Damiano, che conosce a memoria la canzoncina-inno e prova a fornire una versione diversa, puntando sul "Mamma, li turchi!". Già, Damiano che ha appoggiato Andrea Orlando sperava in un presidente del Pd di garanzia, diverso dal passato. Invece hanno eletto di nuovo Matteo Orfini, capo della corrente dei giovani turchi. E allora, "Mamma, li turchi!"...

di Franco Bechis
@FrancoBechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news